SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

VI Municipio, la "nona" città d'Italia....senza Isola ecologica

Oltre 300 mila persone reclamano l'istituzione di un'Isola Ecologica per òla raccolta dei rifiuti ingombranti sul territorio. Il Comitato Civico denuncia: taglio del 50% dei servizi erogati dall'AMA sul territorio, in particolare a soffrire le aree verdi

printDi :: 23 giugno 2020 12:49
un'area verde abbandonata nel VI Municipio

un'area verde abbandonata nel VI Municipio

(AGR) "L’AMA non può chiedere un ulteriore   sacrificio economico ai cittadini del VI Municipio – ha dichiarato in una nota il  portavoce del  Comitato Civico “ UNITI PER IL MUNICIPIO VI”, il  già Consigliere Municipale Stefano Pelone. - L’azienda  Municipalizzata avrebbe previsto a breve un rincaro della  tassa sui rifiuti, che per i residenti  ha un po’ il sapore della beffa, in quanto il territorio è già stato oggetto di una serie di “tagli” sui servizi ordinari da parte dell’AMA. Il più consistente è stato realizzato nella raccolta porta a porta, dove è stato ridotto del 50% il ritiro del multimateriale , creando così situazioni di disagio presso le abitazioni con cassonetti e mastelli che allo stato attuale strabordano di rifiuti. Inoltre l’AMA  effettua il ritiro dei rifiuti soltanto delle utenze domestiche, per quanto riguarda quelle commerciali sono state date in appalto ad aziende private. L’altro taglio importante, che è visibile a tutti,  riguarda invece  il decoro urbano e le aree verdi dove gli interventi da parte dell’azienda sono stati ridotti in maniera drastica nel corso del tempo.

Ma quello, che riteniamoveramente inaccettabile, è il fatto che un Municipio come il VI, in realtà, la nona Città d’Italia sia per estensione che per residenti (circa 300.000), aspetta dal 2013 la realizzazione di un’Isola Ecologica dove smaltire i rifiuti ingombranti. Le domeniche ecologiche, infatti,  oppure chiamare l’Ama per il ritiro a casa (tempi di attesa 2/3 settimane) sono solo dei palliativi che permettono di solo di prendere tempo per non affrontare e risolvere questa problematica.

Noi, come Comitato civico, però andiamo avanti….  –continua Stefano Pelone - cercando di dare il nostro contributo anche su un tema così  importante e sentito dai cittadini ed è per questo, infatti, che abbiamo chiesto   l’aiuto di Flavio Vocaturo (Pd AMA), con il quale abbiamo concordato l’organizzazione di una serie di Assemblee  Pubbliche  da organizzare dopo l’estate “causa covid” sul nostro territorio per affrontare le problematiche del quartiere”

Photo gallery

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE