SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

"Roma Safe Tourism", arriva per le spiagge libere di Ostia la certificazione di un turismo in tutta sicurezza

Le spiagge di Ostia hanno ricevuto la certificazione di un turismo in tutta sicurezza. Il riconoscimento è stato consegnato ieri alla sindaca Virginia Raggi. Il bollino identifica gli esercizi ricettivi conformi ai protocolli sanitari nazionali

printDi :: 11 agosto 2021 21:26
Roma Safe Tourism, arriva per le spiagge libere di Ostia la certificazione di un turismo in tutta sicurezza

(AGR) Le spiagge libere di Roma Capitale sono state premiate con la certificazione "Rome Safe Tourism" la certificazione di un turismo in tutta sicurezza. Da Ottobre 2020, infatti, era partita ufficialmente la campagna per il rilascio del bollino “Rome Safe Tourism”, si tratta di un’iniziativa promozionale che prevede il rilascio di un bollino studiato appositamente, sopratutto in tempi di pandemia per il rilancio in sicurezza del turismo a Roma.

Il marchio identifica, infatti, gli esercizi turistici e ricettivi conformi ai protocolli sanitari nazionali e alle disposizioni regionali COVID-19. Ristabilire la fiducia nella filiera del turismo quando si parla di salute e sicurezza e contemporaneamente sostenere le imprese del settore, attestando la loro conformità ai protocolli , questi sono gli obiettivi di Rome Safe Tourism. Ed in questa ottica, ieri mattina, il mare di Ostia ha ricevuto l’attestazione di sicurezza garantita dal bollino. In particolare il riconoscimento, consegnato ieri mattina nelle mani della sindaca Virginia Raggi riguarda le spiagge libere, fiore all’occhiello del Campidoglio.

“Le nostre spiagge rispettano i requisiti di carattere generale, - ha sottolineato, ieri mattina il v.presidente Alessandro Ieva, sempre in prima linea nella gestione ed organizzazione degli arenili – a partire dalle modalità di accesso dei bagnanti sulla spiaggia, la pulizia e sanificazione generale degli spazi comuni e dei locali tecnici, le precauzioni comportamentali igieniche e personali, l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuali o la gestione di una persona sintomatica in spiaggia. Oltre a requisiti di carattere specifico, come la gestione dei servizi di settore per le imprese, l’ingresso dei fornitori, la vendita per asporto e il servizio a domicilio.

Le spiagge libere di Ostia, Castel Porziano e Capocotta e le realtà produttive su cui insistono, - ha continuato Ieva - in ottemperanza alle raccomandazioni dell’Istituto Superiore della Sanità, delle linee guida delle principali Associazioni di categoria e delle più recenti normative nazionali e regionali, sopratutto per quei settori produttivi che si basano sull'aggregazione di persone, hanno ricevuto la certificazione di conformità per la filiera produttivo-turistica.

Con questo -ha concluso Ieva - il lavoro che abbiamo fatto sulle spiagge libere è stato premiato e i fatti ci hanno dato ragione”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE