SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Emergenza rifiuti: è scontro tra la Raggi e Montino

print27 novembre 2019 15:17
Emergenza rifiuti: è scontro tra la Raggi e Montino
La sindaca Raggi ed i presidenti del Municipi a guida M5S si sono presentati questa mattina in Regione. "Siamo qui per dire no ad ogni nuova discarica nel comune di Roma perchè i cittadini hanno già sopportato per 60 anni Malagrotta. La nostra è una manifestazione assolutamente pacifica, ma molto determinata. Basta con le soluzioni calate dall'alto. Vogliamo discutere tutti assieme, sederci allo stesso tavolo e trovare le soluzioni che chiedono i cittadini. Il piano rifiuti regionale sarà approvato entro il 2020. Oggi esistono discariche attive e capienti che possono continuare a ospitare i rifiuti di Roma. Ogni giorno a Roma arrivano da tutta la Regione oltre 2 milioni e mezzo di persone che noi accogliamo ma che, inevitabilmente aumentano i rifiuti “pro capite” dei residenti. Roma non può cavarsela da sola. Dal 2012 il piano rifiuti della Regione è fermo. I cittadini non possono essere sotto ricatto e per questo vogliamo dire “si” ad un piano regionale concordato con tutti i cittadini”.

La presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo ha aggiunto: “Il nostro territorio ha già il tritovagliatore, siamo qui per capire bene cosa succede e soprattutto ribadire che abbiamo già dato e che i nostri cittadini non vogliono che ci siano altri punti di recapito di rifiuti nel nostro territorio”. Secca la smentita di Montino. "Il messaggio di oggi della sindaca di Roma a proposito della questione rifiuti della Capitale ha dell'incredibile". "Secondo Virginia Raggi, i rifiuti di Roma dovrebbero finire tutti negli impianti della provincia senza che lei e la sua amministrazione se ne facciano carico - prosegue il sindaco -. Ora basta. Non ha mai fatto scelte e continua a non farne. Galleggia, naviga a vista senza una proposta che non sia scaricare su altri le sue responsabilità".

"E quegli altri stanno già facendo, anche se non avrebbero dovuto - sottolinea Montino -. Come noi a Maccarese che continuiamo a ricevere da Roma dalle 300 alle 400 tonnellate di umido al giorno, con tutto quello che ne consegue. La giunta Raggi non ha neanche avuto il coraggio di realizzare un impianto per il compostaggio che era il loro mantra in campagna elettorale - insiste il sindaco -. Se non è in grado o non vuole fare quello che chi amministra deve fare, e cioè scegliere, si dimettesse" "Non l'ha obbligata nessuno a fare la sindaca di Roma - conclude Montino -. Noi, però, siamo obbligati a subire i disastri della totale inefficienza della sua giunta. La Provincia e il resto della regione non sono la discarica di Roma: Virginia Raggi se lo metta in testa".

Emergenza rifiuti: è scontro tra la Raggi e Montino

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
x

ATTENZIONE