SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Scandicci, sequestrati oltre 50mila euro a un'imprenditrice nel settore della ristorazione

Ritenuta resposabile di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Fatture per operazioni inesistenti per dimostrare l’operatività e la solidità economica della sua impresa

printDi :: 11 agosto 2021 13:53
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze 

Carabinieri-Comando provinciale di Firenze 

(AGR) I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando di Firenze hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo, emesso dall’Ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Firenze (Dott. Angelo Antonio Pezzuti) su conforme richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo toscano (Sost.Proc. Dott.ssa Ornella Galeotti), e a un decreto di perquisizione nei confronti di una imprenditrice 56enne, B.P., originaria della provincia di Verona ma residente dal 2013 a Scandicci, ritenuta responsabile di “truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche”.

Il provvedimento in argomento scaturisce da una complessa attività investigativa avviata nel settembre 2020 a seguito di una denuncia per “tentata estorsione” sporta dall’imprenditrice nei confronti di tre soggetti di nazionalità albanese, soci della donna in una società operante nel settore della ristorazione, con sede operativa in Scandicci, per asserite minacce ricevute da questi e tese ad acquisire indebitamente il controllo della società stessa e del relativo ristorante. Le indagini, effettuate mediante attività tecniche, escussioni testimoniali e approfonditi accertamenti patrimoniali, hanno consentito di acquisire gravi e concordanti elementi di reità a carico dell’indagata in relazione al delitto contestatole.

Attraverso tali elementi è stato possibile dimostrare come la stessa, dopo aver ottenuto nel 2011, in qualità di socio unico e amministratore di una società operante in provincia di Verona nel settore pubblicitario e della comunicazione, allo stato fallita, un mutuo agevolato dell’importo di euro 72.890 dalla banca Crever, garantito al 70% da Mediocredito Centrale s.p.a. (avendo l’imprenditrice avuto accesso al Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese, anche tramite l’emissione di fatture per operazioni inesistenti finalizzate a dimostrare l’operatività e la solidità economica della sua impresa), ha messo in atto artifizi e raggiri al fine di risultare impossidente e, pertanto, evitare di restituire la somma erogata. In particolare, l’indagata ha dapprima ceduto nel 2012 ad altro soggetto di Prato, pluripregiudicato per reati in materia finanziaria, le quote della citata società (poi posta in liquidazione e, dopo alcuni mesi, dichiarata fallita) e, dopo aver rilevato nel 2016 le quote della società operante in Scandicci, le ha successivamente trasferite ad uno dei soci (poi denunciato nel settembre 2020) al fine di non pagare la cartella esattoriale emessa a suo carico da Equitalia s.p.a. per recuperare il credito erogatole nel 2011 da Mediocredito Centrale s.p.a. Le predette quote le erano state comunque ritrasferite nel 2018.

Proprio per tale motivo la donna risulta indagata anche per “calunnia” poiché ha denunciato, sapendoli innocenti, i suoi soci nella gestione della società di ristorazione. Il provvedimento eseguito in data odierna è finalizzato al sequestro preventivo – ai fini della successiva confisca – di liquidità, beni immobili e mobili registrati, riconducibili all’imprenditrice, fino alla concorrenza di euro 51.706,15.

11/08/2021 12.55

Carabinieri-Comando provinciale di Firenze 

Tratto da Met - http://met.cittametropolitana.fi.it/

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE