SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

La ripresa del campionato italiano

Il nostro calcio reagisce alla pademia.

printDi :: 02 giugno 2020 20:43
La ripresa del campionato italiano

La ripresa del campionato italiano

(AGR) ROMA, allora, sembra proprio che ci siamo: il campionato nazionale di calcio, la Serie A, riprenderà nel mese di giugno. Salvo ripensamenti, che in una situazione come quella che stiamo vivendo sono sempre possibili, la ripresa del nostro calcio avverrà con la disputa delle semifinali di ritorno della Coppa Italia Juventus –Milan (andata 1-1) e Napoli-Inter (andata 1-0 per i partenopei), date da confermare, mentre il 17 giugno lo stadio Olimpico di Roma sarà la sede della finale del prestigioso trofeo.   
A distanza di qualche giorno, il 20 p.v., riprenderà anche il campionato nazionale di calcio con i recuperi della 25° giornata, così calendarizzati: Sabato 20 giugno: ore 19.30: Torino-Parma; ore 21.45: Hellas Verona-Cagliari. Domenica 21 giugno: ore 19.30: Atalanta-Sassuolo; ore 21.45: Inter-Sampdoria. Il 22 giugno verrà disputata la 27° giornata e poi, praticamente ogni tre giorni, disputate le altre giornate. Il tutto a stadi deserti,naturalmente. 

La scelta di disputare le gare a ritmi così serrati probabilmente è stata fatta nell’intento di chiudere questa stagione in tempi ‘ragionevoli’ per poi poter far partire la prossima in tempi altrettanto ragionevoli. 

Ma al di là degli eventi, le cui qualità, in termini di performance tecniche, fisiche e agonistiche, vista la lunga interruzione, sono tutte da scoprire, non si può non interpretare la ripresa del campionato, e del calcio in generale, come il fortissimo segnale di reazione al corona virus, il rifiuto di avvitarsi su se stessi, di cedere alla rassegnazione più buia, quella che può portare alla disfatta mentale. Per ciò che rappresenta nel nostro paese, non solo in ambito sportivo, ma anche in quello sociale, economico e occupazionale, il calcio potrebbe essere la locomotiva giusta per uscire dalla tenebrosa galleria in cui ci ha cacciato la maledetta pandemia.

Renato Bergami

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE