SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Furti di batterie di auto ibride, le nuove tendenze della microcriminalità

Ad Ostia preso il responsabile degli incendi di auto e moto nel quartiere. Attraverso le immagini dei sistemi di videosorveglianza il giovane, che erta stato notato dai carabinieri nei pressi degli incendi, sono risaliti alal sua identità. L'uomo avrebbe confessato le proprie responsabilità

printDi :: 16 maggio 2022 14:52
Furti di batterie di auto ibride, le nuove tendenze della microcriminalità

(AGR) Lo sviluppo del mercato delle auto elettriche registra anche i primi furti della componentistica, assai costosa. Nell’ambito delal prevenzione dei furti in città i carabinieri, infatti, hanno arrestato in flagranza di reato due uomini, di 32 e 24 anni, gravemente indiziati di tentato furto aggravato di una batteria di un’auto ibrida parcheggiata in strada, nel quartiere Laurentino. I Carabinieri sono intervenuti nel corso della notte, in un parcheggiio dove erano state segnalate due persone che armeggiavano su un’auto in sosta.

Giunti dopo pochi minuti, i Carabinieri hanno sorpreso i due mentre erano ancora intenti a smontare il pacco batteria di una Toyota ibrida parcheggiata. Furto in appartamento sventato in largo Apuleio. I residenti avevano allertato il “112” per la presenza di persone sospette ain un condominio che, dopo aver forzato la porta di un’abitazione, erano penetrate all’interno riempiendo due borse di capi d’abbigliamento e preziosi. I due uomini, entrambi cittadini cileni di 24 e 32 anni, con precedenti, sono stati bloccati e arrestati per furto in abitazione. I militari hanno recuperato la refurtiva e sequestrato diversi arnesi da scasso, trovati in possesso ai due ladri.Ad Ostia, invece, in manette un 28enne presunto responsabile dell’incendio di auto e moto, fiamme sviluppatesi nel quartiere tra il 16 ed il 17 marzo. L’uomo con precedenti era stato notato dai militari nei pressi degli incendi. Le indagini e le immagini degli impianti di videosorveglianza hanno poi permesso ai militare di individuare l’uomo quale responsabile degli incendi. Nel corso delle perquisizioni sarebbero stati rinvenuti anche gli abiti indossati che avevano ancora addosso un forte odore della sostanza infiammabile utilizzata. Durante gli interrogatri il giovane avrebbe anche ammesso le proprie responsabilità

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE