SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Infernetto, strade e servizi, Marchesi (FdI): serve un cambio di passo, lo chiedono i cittadini

L'85% delle strade sono ancora private ma soggette al pubblico transito. Interventi con il contagocce negli anni e monta la protesta. Marchesi, consigliere municipale, nel Bilancio mancano ancor ai soldi degli oneri concessori per le opere di urbanizzazione

printDi :: 15 gennaio 2021 19:51
Marchesi dinanzi lavori via Ceccarossi

Marchesi dinanzi lavori via Ceccarossi

(AGR) Infernetto, una città dimenticata, la Colombo fa da spartiacque dal resto del X Municipio ed in questo quartiere cresciuto in maniera esponenziale negli ultimi vent’anni cresce la protesta. “Le strade sono ancora per l’85% private e soggette al pubblico transito – ricorda Pierfrancesco Marchesi, consigliere municipale e presidente del locale circolo di FdI – Da anni i residenti chiedono che le strade vengano acquisite al patrimonio comunale e da anni si deve aspettare la legislatura successiva. Guardiamo gli ultimi interventi: su via Wolf Ferrari sono intervenuti per un piccolo tratto, il rifacimento di via di Castelporziano riguarda solo le carreggiate, ma non sono stati sistemati marciapiedi e piazzole per fermate bus, per me, l’intervento non è completo e poi c’è via Corrado Ceccarossi, ancora chiusa. Ma la lista è lunga, per le opere serve un cambio di passo, lo chiedono i cittadini”.

La sede di FdI con 108 tessere è quella più partecipata del X Municipio, tanto che nel mese scorso è arrivata la nomina di presidente del Circolo di FdI dell’Infernetto per lo stesso Marchesi, da sempre uomo del centrodestra, da sempre una scelta tutta legata al territorio.

“Il territorio sta ancora aspettando le opere di idraulica e gli interventi previsti per la messa in sicurezza. - continua Marchesi – Anche nel Bilancio di previsione recentemente approvato non abbiamo trovato, come invece era stato promesso, quel famoso milione e trecentomia euro di oneri concessori versati dal costruttore del comprensorio di villini con annessa caserma dei vigili del fuoco che dovevano essere riassegnati e servire allo scopo. Se quest’anno quei soldi non saranno reintrodotti nel Bilancioi municipale rischiamo di perderli per sempre...Non lo posso accettare, mi batterò con determinazione affinché questo non accada”

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE