SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Federconsumatori, benzina "boom".... ma pesa una tassazione eccessiva

Continua la corsa dei prezzi dei carburanti +8% rispetto alla scorsa settimana. Il prezzo calcolando le quotazioni del petrolio ed il cambio, dovrebbe essere più basso di 10 centesimi. Un sovrapprezzo che porterebbe un aggravio di 120 Euro ad automobilista.

printDi :: 13 maggio 2021 07:06
Federconsumatori, benzina boom.... ma pesa una tassazione eccessiva

(AGR) Continua la corsa dei prezzi dei carburanti, che si attestano a quota +8% rispetto alla scorsa settimana. - si legge su una nota stampa di Federconsumatori - Prezzi che, come abbiamo più volte sottolineato, sono ben al di sopra di quanto dovrebbe. Secondo i calcoli dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, il prezzo della benzina, calcolando le quotazioni del petrolio ed il cambio, dovrebbe attestarsi ben al di sotto di quello attuale, almeno di 10 centesimi. Un sovrapprezzo di questa portata, in un anno, porterebbe ad un aggravio di circa +120 Euro ad automobilista.

Ma quello che, da anni, non smette di sconcertarci, è il sistema di tassazione che pesa sui carburanti. Su 1,58 Euro al litro di benzina, oltre 72 centesimi sono di accisa, 28 di IVA. IVA che viene applicata anche sull’accisa: tassando ulteriormente, cioè, quella che già di per sé è una tassa. Al netto delle tasse un litro di benzina costerebbe 0,573 Euro al litro. Non va meglio per il gasolio, che al netto della tassazione costerebbe 0,568 Euro al litro, ma con il carico di accisa (0,617) e IVA (0,26), arriva a costare 1,447 Euro al litro. Una vera e propria assurdità, dal momento che, come rivela una recente analisi di Unem, il prezzo italiano della benzina al netto delle tasse si attesterebbe al di sotto della media europea di 3-4 centesimi.

È ora di dare un taglio netto a questi costi, - contiua Federconsumatori - che pesano in maniera notevole sulle tasche dei cittadini, soprattutto ora che molti di essi hanno intensificato l’utilizzo dell’auto o dei mezzi privati alla luce della pandemia. Si stima che mediamente l’utilizzo dell’automobile rispetto al periodo pre-pandemia è aumentato del +26%, il che si traduce in un maggiore esborso, per i cittadini che ricorrono a mezzi privati, di circa 41 Euro al mese (tenendo conto del prezzo attuale della benzina). Sarebbe necessario, per abbattere tali costi divenuti insostenibili, adottare una seria azione di contrasto alle speculazioni e ricorrere ad un sistema di tassazione più sostenibile, attraverso una rimodulazione delle accise, adottando, in caso di rialzo del costo della materia prima, un meccanismo in grado di ridurre il livello della tassazione.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE