SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ostia, dalla Street art allo sport, l'assessora Silvana De Nicolò anticipa la programmazione estiva

L'assessora del X Municipio Silvana De Nicolò scopre le carte, dalla Casa della Cultura nell'ex mercato San Fiorenzo al nuovo skatepark. Dallo sport e dalla cultura i giusti stimoli per un rilancio del territorio ed una valorizzazione culturale

printDi :: 30 marzo 2021 14:58
Ostia, dalla Street art allo sport, l'assessora Silvana De Nicolò anticipa la programmazione estiva

(AGR) di Ginevra Amadio

È un vulcano di idee Silvana Denicolò. Mentre parliamo al telefono penso all’assurdità del tempo odierno, a quanto sia dura ridimensionarsi, ideare lo spazio come un perimetro stretto. Ma l’Assessora conosce il da farsi. Sa che la cultura e lo sport non prevedono barriere. Che occorre adattarsi, ingegnarsi, per prendersi cura del “bello”. Non c’è soluzione pronta, solo tenacia e dedizione. Al di là della pandemia, dentro le restrizioni e nel rispetto di queste.

Assessora Denicolò, cosa ci aspetta quest’estate? Quali eventi, iniziative, novità culturali?

“Siamo ancora in fase di organizzazione, quel che è certo che le iniziative si terranno nel pieno rispetto delle normative anti-Covid, all’aperto – complice la bella stagione – sì da garantire distanziamento e sicurezza. Qualcosa, in verità, abbiamo già predisposto: penso all’illuminazione estiva del Pontile, realizzato da Acea a supporto di un’iniziativa del Comune. Per quanto riguarda l’entroterra, invece, stiamo lavorando a un percorso di Street Art che colleghi il quartieri di San Francesco e San Giorgio. Si tratterà di un sottopassaggio pedonale, con i murales ispirati agli animali, alle suggestioni offerte dal territorio e dalla toponomastica. Credo che i lavori inizieranno nei nei prossimi due mesi. Quanto agli eventi, uno spazio ideale è senz’altro il Palazzo del Governatorato, dove da anni si organizzano incontri e spettacoli. A Ostia Antica, nel frattempo, siamo riusciti a ottenere da Roma Capitale la proprietà degli ex-lavatoi, di cui è partito il restauro. Si tratta di uno spazio importante, che ben si presta a ospitare mostre e/o eventi museali. Al più presto si redigerà un bando pubblico per procedere all’assegnazione dei locali, con l’opportunità di coinvolgere le realtà locali e nella speranza di sollevare manifestazioni d’interesse.

Dunque, non solo incontri stagionali ma progetti a lungo termine.

Certamente. Stiamo lavorando alla Casa della Cultura, nello spazio dell’ex mercato San Fiorenzo ed ex Chiquipark. Una parte dello stabile è occupata dalla scuola media Caio Duilio, bisognosa di spazi extra in questo periodo d’emergenza, ma l’esterno e il piano terra saranno utilizzati in prospettiva comunitaria, in seguito a lavori di ristrutturazione. Abbiamo poi l’area del porto, con l’anfiteatro che può costituire un luogo d’interesse e incontro. Senza dimenticare lo skatepark su via dell’Appagliatore, che speriamo di inaugurare con una piccola cerimonia per festeggiare l’evento.

Avete intenzione di affiancare lo streaming alle manifestazioni dal vivo?

L’esperienza dello streaming è una grande opportunità; ne abbiamo fatto ricorso spesso, anche in tempi pre-pandemici, per dar modo alla cittadinanza di seguire gli incontri. Ora è doppiamente importante, necessario, sebbene l’incontro ‘reale’ sia parte integrante di una cultura viva, resa tale dallo scambio, dal confronto, dal vedere con gli occhi. Lo streaming tuttavia ci aiuta ad allargare il campo, a coinvolgere più persone – e in questo senso elimina le distanze, permette a tutti di fruire del bello. Certo, in questo periodo è difficile programmare. Da tempo abbiamo in ballo alcune manifestazioni, come la conferenza su Vincenzo Fasolo, l’architetto che progettò – fra gli altri – il Palazzo del Governatorato, sede del Municipio. Bisognerà attendere un allentamento delle restrizioni, così come per realizzare un incontro sulle donne in politica, frutto delle riflessione di una nostra collega senatrice che ha notato l’assenza, a Palazzo Madama, di busti femminili. Dovrà ancora tenersi, inoltre, la cerimonia del Premio Donna 2021, le cui vincitrici – già annunciate – sono figure di straordinario talento e umanità. Donne del territorio distintesi in vari campi (dal sociale al culturale, dallo sport alla memoria, all’emergenza in atto), che speriamo di ringraziare quanto prima dal vivo.

Photo gallery

Silvana De Nicolò tra lo scrittore Gianni Maritati e Giuseppe Di Lorenzo (Gruppo Donatori)
Silvana De Nicolò alla manifestazione della Lega Navale dell'associazione Koeman

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE