SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, minaccia di incendiare la macchina alla compagna, arrestato

Sulla Gianicolense prima cerca di intimorire la compagna dicendogli che vuole incendiargli l'auto, poi minaccia a sua volta e reagisce agli agenti intervenuti sul posto. Arrestato dalla Polizia un 45enne romano.

printDi :: 11 aprile 2020 16:27
Roma, minaccia di incendiare la macchina alla compagna, arrestato

(AGR)  Ancora un grave episodio di maltrattamenti e violenze in famiglia. Un uomo di 45 anni, romano, in via Antonio Toscani, nel quartiere Gianicolense, ha citofonato alla compagna, minacciando di incendiarle l’autovettura se non gli avesse aperto e consentito di tornare a casa.  La donna, disperata, spaventata  non ha però esitato a chiamare la polizia. La volante giunta sul posto dopo pochi minuti ha trovato l’uomo ancora davanti al portone, mentre citofonava insistentemente, minacciando la donna se non gli avesse aperto. I poliziotti si sono avvicinati e gli hanno chiesto le generalità, identificandolo per T.M. romano di 45 anni, con vari precedenti di polizia,  il quale,  fuori di sé, si rifiutava di fornire i documenti e si scagliava contro i due agenti.

Nella colluttazione l’uomo aveva la peggio, veniva bloccato a fatto salire sull’auto, nonostante continuasse a scalciare ed a divincolarsi. In Questura la donna ha raccontato, poi,  di convivere con l’uomo da circa un anno e che già  nell’agosto scorso durante una lite, questi l’aveva afferrata al collo tentando di strangolarla. “In quella occasione – ha ricordato la donna in lacrime - non ho avuto il coraggio di denunciarlo. Ieri, l’ennesimo litigio – ha raccontato – mi ha tirato contro una pizza calda, appena acquistata, poi ha iniziato ad urlare e si è piazzato dinanzi al portone di casa, diceva che voleva lasciarmi, mi minacciava e così sono fuggita”. Chiuso il portone alle sue spalle la donna aveva raggiunto il proprio appartamento e chiamato la polizia. A quel punto, dopo le formalità dirito, per T.M. si sono aperte le porte del carcere. Dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, nonché di danneggiamento ai beni dello Stato.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE