SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, la gravidanza non ferma tre borseggiatrici, prese sul tram

Quattro donne, ufficialmente senza fissa dimora, tra i 20 ed i 31 anni con precedenti specifici, tre delle quali in cinta, sono state individuate dai Carabinieri mentre su un tram stavano derubando una pensionata con la tecnica dell'accerchiamento

printDi :: 23 giugno 2021 16:33
Roma, la gravidanza non ferma tre borseggiatrici, prese sul tram

(AGR) Non le ha fermate né il caldo di questi giorni né il loro stato di gravidanza e pur di “lavorare” si sono messe in strada a caccia di potenziali vittime e di portafogli da sfilare. Nel primo pomeriggio di ieri, infatti, quattro giovani donne – tre delle quali in stato interessante – di età compresa tra i 20 e i 31 anni, tutte nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, specifici nel borseggio sono state viste entrare in azione alla fermata del tram numero 8 di Circonvallazione Gianicolense.

I militari hanno subito riconosciuto la tecnica dell’accerchiamento della vittima – una pensionata di 68 anni – che, dopo essere stata ostacolata da una delle ladre nella salita sul mezzo pubblico e avvicinata ai lati da due complici, è stata derubata dalla quarta componente del portafogli. I Carabinieri, vista la scena, le hanno immediatamente bloccate, recuperando l’intera refurtiva e restituendola alla 68enne, che non si era accorta di quanto le era appena accaduto.

In attesa del rito direttissimo, nel corso del quale saranno chiamate a rispondere di furto aggravato in concorso, le ladre sono state trattenute in caserma.

E’ stato inoltre rintracciato dai carabinieri a Roma un truffatore ricercato in campo internazionale. I Carabinieri al termine di una lunga serie di servizi di osservazione, controllo e pedinamento, sono riusciti ad individuare e arrestare un cittadino della Repubblica Ceca di 52 anni, specializzato in truffe e per questo destinatario di 5 mandati di arresto europeo emessi dall'Autorita' Giudiziaria del suo Paese per reati commessi tra il 2013 e il 2016. L'uomo, che nel frattempo si era reso latitante, e' stato individuato nella zona di via di Monti di Pietralata, dove nel frattempo era riuscito a stabilirsi. Il cumulo delle pene per il ceco ora rinchiuso nel carcere di Regina Coeli, e' di 27 anni di reclusione.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE