SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, fingono di essere poliziotti per truffare una coppia di anziani, intervengono gli agenti del Viminale e li arrestano

I due romeni arrestati per il possesso di segni distintivi contraffatti avevano adocchiato una coppia di coniugi anziani e li hanno subito seguiti avvicinandoli all’altezza di piazza della Repubblica ed a quel punto sono intervenuti i poliziotti veri che li hanno fermati

printDi :: 07 giugno 2024 11:04
Roma, fingono di essere poliziotti per truffare una coppia di anziani, intervengono gli agenti del Viminale e li arrestano

(AGR) Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Viminale, a seguito di un’accurata attività di indagine, dopo aver visionato le immagini del sistema di videosorveglianza posto all’ingresso di uno stabile di via Principe Amedeo, hanno appurato che lo scorso 30 maggio due soggetti avevano derubato un turista dopo avergli mostrato il portafoglio, simulando di essere appartenenti alle forze dell’ordine.

Nei giorni scorsi, gli agenti, durante un servizio specifico, nel percorrere via Principe Amedeo, hanno visto gli stessi due uomini notati nei filmati del 30 maggio scorso e li hanno seguiti. Mentre si dirigevano verso la stazione di “Roma Termini” hanno accertato che i due, in più circostanze, colloquiavano pretestuosamente con alcuni passanti probabilmente per carpirne informazioni. Poco dopo, in via Volturno, i due hanno adocchiato una coppia di coniugi anziani e li hanno subito seguiti avvicinandoli all’altezza di piazza della Repubblica, dove hanno conversato per alcuni minuti e, dopo poco, uno di essi ha estratto il portafoglio come se volesse esibire il distintivo.

Gli investigatori, avendo già visto il medesimo “modus operandi”, sono immediatamente intervenuti bloccandoli e trovandoli in possesso di due scudetti distintivi con scritto “Guardia Urbana Barcellona”. I poliziotti hanno successivamente accompagnato i soggetti presso gli uffici del Commissariato, li hanno identificati per due romeni, di 52 e 63 anni, e li hanno tratti in arresto perché gravemente indiziati del reato di possesso di segni distintivi contraffatti.

L’Autorità Giudiziaria, su richiesta della Procura della Repubblica, ha convalidato gli arresti.Ad ogni modo gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell'attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE