SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, arrestato 46enne per maltrattamenti in famiglia, vietava alla compagna anche di uscire da sola

Due anni la donna era vittima di quotidiane condotte maltrattanti, finalizzate a controllarne la quotidianità, al punto tale da costringerla a stare sempre in casa, limitando le sue amicizie, negandole ogni contatto maschile, controllandole il telefono e le mail

printDi :: 27 febbraio 2024 13:25
Roma, arrestato 46enne per maltrattamenti in famiglia, vietava alla compagna anche di uscire da sola

(AGR) Gli agenti della Polizia di Stato del III Distretto “Fidene - Serpentara”, al termine di una delicata e difficoltosa attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica Roma, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Roma, nei confronti di un 46enne romano, gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia.

L’indagine è scaturita da una segnalazione giunta all’ 1 1 2 per una “lite in famiglia”.

I poliziotti di via Franco Enriquez  sono immediatamente intervenuti ed hanno opportunamente acquisito i racconti resi da alcune testimoni, le quali hanno riferito di essere molto preoccupate al punto di temere per l’incolumità di una loro amica, da due anni vessata dal convivente, che per gelosia le vietava addirittura di uscire di casa da sola, incutendo in lei un senso di paura tale da impedirle di sporgere denuncia.

Organizzati appositi servizi di osservazione e controllo, tesi ad individuare il responsabile ma soprattutto ad avvicinare la vittima senza che l’uomo fosse presente, gli agenti sono intervenuti approfittando di pochi minuti di assenza dell’aguzzino, avvicinando la vittima e offrendole l’aiuto ed il sostegno necessari a trovare il coraggio di raccontare tutto ciò che la stessa stava patendo.

La denuncia ha consentito di accertare che da ormai due anni la donna era vittima di quotidiane condotte maltrattanti, finalizzate a controllarne la quotidianità, al punto tale da costringerla a stare sempre in casa, limitando le sue amicizie, negandole ogni contatto maschile, controllandole il telefono e le mail, pretendendo che il cellulare fosse sempre ben visibile sul tavolo e con la suoneria accesa e costringendola addirittura a ridurre la sua attività lavorativa.

All’esito della delicata attività d’indagine la Procura di Roma ha chiesto ed ottenuto la misura cautelare.

Ad ogni modo l’indagato è da ritenere presunto innocente, in considerazione dell'attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE