SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ostia, alla fine passa il PUA, ma le opposizioni ribadiscono il "no"

Nessun accordo sul Piano Urbano degli Arenili approvato dal Consiglio del X Municipio nella sua stesura iniziale, completato con due soli ordini del giorno proposti dalle opposizioni.

printDi :: 09 marzo 2020 17:44
Ostia, alla fine passa il PUA, ma le opposizioni ribadiscono il no

(AGR) Alla fine il PUA è stato approvato dal Consiglio municipale e da domani mattina sarà sul tavolo della Raggi con l’o.k. del X Municipio per essere portato all’approvazione del consiglio comunale. Le opposizioni, nonostante l’avvio di un dialogo sul tema, hanno votato compatte per il “no” ed il documento è passato con i voti compatti della maggioranza penta stellata. Monica Picca (Lega) ha ricordato nel suo intervento di questa mattina che i consiglieri d’opposizione non avevano avuto la documentazione necessaria per l’esame concreto del Piano. Nonostante gli screzi, già preventivati e l’invito al dialogo, espresso nei giorni scorsi dal capogruppo del M5S Antonio Di Giovanni si è andati al voto ancora divisi in due schieramenti.

"Ho votato contro l'approvazione della Delibera sul Pua perché in queste settimane, come abbiamo più volte denunciato, non c'e mai stata una volontà seria di approfondimento in Municipio X nè nelle Commissioni, nè in un confronto cittadino che si sarebbe potuto fare, soprattutto in virtù del decentramento delle spiagge che ci consentiva di farlo. Eppure questa maggioranza, totalmente succube del Campidoglio, ha preferito comportarsi come passacarte, anziché rivendicare il nostro ruolo politico che dovrebbe essere considerato al pari di un Comune marittimo, quale spero un giorno saremo". È quanto dichiara Andrea Bozzi, capogruppo civico di "Sogno Comune" in Municipio X.

"Gli unici ordini del giorno, tra i tanti presentati, accolti con fatica dalla maggioranza  - aggiunge Bozzi - riguardano la richiesta delle opposizioni di approfondire seriamente la virtuale passeggiata lineare, perché non sostenuta da un quadro giuridico o da sanzioni applicabili per farla rispettare. E un altro sulla natura degli stabilimenti cosiddetti storici o testimoniali che nella stesura sono in più casi  palesemente incongruenti e soggetti sicuramente a molti ricorsi. Troppo poco per farmi approvare un Piano nato male, che non ha una visione turistica e che la maggioranza a cinquestelle ha voluto far approvare a tutti i costi, addirittura additando la minoranza tutta come portatrice di…. illegalità. Menzogne propagandistiche fatte passare appositamente per coprire il vuoto politico e il poco spessore di chi ha fatto di tutto per passare rapidamente le carte al Campidoglio, senza un sano e doveroso confronto con la nostra città e senza la dignità necessaria per tutelare gli interessi della propria comunità e non quelli della Raggi o del loro partito".

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE