SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Operazione Speed Team, ladri di attrezzature industriali in manette

La rete dei Carabinieri alla fine si è stretta attorno a nove persone, tutte di nazionalità bulgara, verso le quali oggi sono stati eseguite le ordinanze di custodia cautelare. Asportate attrezzature per oltre un milione di euro. Operazione con Polizia Bulgara

printDi :: 17 giugno 2020 15:09
Operazione Speed Team, ladri di attrezzature industriali in manette

(AGR) I Carabinieri del Comando Provinciale di Siena, nell’ambito di un’attività investigativa condotta sinergicamente con la Polizia bulgara, coordinati dalla Procura della Repubblica di Siena, nella persona del dott. Siro De Flammineis, hanno dato esecuzione contestualmente in Italia e in Bulgaria ad un’ordinanza di custodia cautelare - con “Mandato di Arresto Europeo” - emessa dal GIP presso il Tribunale di Siena nei confronti di 9 soggetti di nazionalità bulgara, componenti un gruppo criminale ben strutturato ed organizzato, ritenuti responsabili di “associazione per delinquere” finalizzata a molteplici reati di furto e ricettazione.

L’operazione costituisce l’epilogo di una complessa attività investigativa, avviata nel settembre 2018 dalla Compagnia di Siena su alcuni furti commessi sul territorio di competenza. Gli accertamenti effettuati hanno permesso di individuare un gruppo criminale, costituito dalle 9 persone arrestate molto attivo nel centro nord dell’Italia e la Bulgaria, dedito ai furti. Il modus operandi utilizzato, basato su una continua interscambiabilità dei ruoli nel compimento degli illeciti, è risultato molto versatile.

Sono state evidenziate le responsabilità del gruppo criminale in 40 episodi di furto consumati nelle Province di Siena, Arezzo, Ancona, Ravenna, Verona, Brescia, Pesaro Urbino, Milano, Lecco, Rovigo, Padova, Piacenza, Firenze, Parma, Macerata, Asti e Teramo nell’arco temporale tra settembre 2018 e aprile 2020. Grazie all’apporto della Polizia bulgara, sono stati individuati in Bulgaria i canali di ricettazione dei beni asportati, per un valore di oltre un milione Euro. In particolare, gli arrestati, dopo aver individuato gli obiettivi da colpire, selezionati accuratamente tra imprese che utilizzano macchinari di ultima generazione, auto articolati o che lavorano l’ottone, predisponevano delle batterie operative composte da trasfertisti abitualmente domiciliati in Bulgaria, i quali raggiungevano l’Italia per portare a termine il colpo. I beni trafugati sono stati tutti di importante valore economico perché strategici per lo svolgimento dell’attività industriale delle numerose aziende colpite. Nel corso dell’operazione sono state effettuate perquisizioni nei confronti di ulteriori 10 persone indagate per gli stessi reati.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE