SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Meteomont Carabinieri: rischio valanghe in aumento sulla dorsale Appeninica

I Carabinieri del gruppo Meteomont per la sicurezza in montagn hanno diramato un comunicato in cui si prevede un pericolo valanghe connesso alla presenza di neve fresca e vento forte. Tendenza in aumento sul versante dell'Adriatico, stazionario per l'Arco Alpino

printDi :: 20 gennaio 2023 19:01
Slavine in alta quota foto pixabay

Slavine in alta quota foto pixabay

(AGR) Appennino: previsto nei prossimi giorni un MARCATO pericolo valanghe connesso alla neve fresca e al vento forte, uscite fortemente limitate. Tendenza in aumento sui settori adriatici, dove sono sconsigliate le uscite alle alte quote in zone non gestite e non controllate. Arco Alpino: generale pericolo valanghe stazionario, con gradi diversificati, connesso principalmente ai lastroni da vento, che richiedono ottime capacità di riconoscimento e valutazione locale.

Appennino: Le diffuse e localmente abbondanti nevicate previste determinano la previsione di un generale aumento significativo del pericolo valanghe per i prossimi giorni, alle medie-alte quote, a tutte le esposizioni. Richiesta una attenta valutazione del rischio a livello locale, sui siti abituali e potenzialmente valanghivi. In particolare, sull’Appennino settentrionale è previsto un grado di pericolo MODERATO 2 con tendenza in aumento a MARCATO 3 sui settori adriatici e più orientali, alle medie-alte quote e a tutte le esposizioni, per problema connesso alla neve fresca. Sull’Appennino meridionale il pericolo aumenta da DEBOLE 1 a MODERATO 2 alle medie-alte quote, a tutte le esposizioni, per problema valanghivo connesso alla neve fresca e ai lastroni da vento. Sull’Appennino centrale il grado di pericolo è MARCATO 3, alle medie e alte quote, a tutte le esposizioni, per un problema principale connesso alla neve fresca e con una attuale tendenza in aumento sui settori adriatici, dove sono previste le nevicate di maggiore intensità, fino ad un massimo di FORTE 4 localmente alle alte quote. Pertanto, in generale, per l’Appennino, le uscite in zone non controllate e non gestite, non segnalate e non battute, sono fortemente limitate e sconsigliate alle alte quote, specie sui settori adriatici dell’appennino centrale. Si rammenta che i primi giorni di sole, dopo le abbondanti nevicate, saranno a maggiore rischio.

Alpi: generale pericolo valanghe stazionario, variabile tra DEBOLE 1 (alte quote delle Alpi Liguri e Prealpi) e MODERATO 2 (alte quote delle Alpi occidentali e delle Prealpi) fino ad un massimo di MARCATO 3 (alte quote delle Alpi centro-orientali e nei settori a ridosso dei confini delle Alpi occidentali). Problemi valanghivi connessi alla presenza di lastroni da vento e di strati deboli persistenti nella neve vecchia. Luoghi pericolosi per le uscite in zone non controllate e non gestite, non battute e non segnalate, sono rappresentati dai pendii ripidi con deposizione di neve ventata e formazione di lastroni (prossimità di creste, conche, canaloni, cambi di pendenza), non sempre facilmente riconoscibili e da evitare, e dai pendii ripidi in ombra o esposti a nord.

AVVERTENZE: Ma per i dettagli e per una corretta interpretazione delle informazioni contenute nei bollettini, fornite secondo gli standard europei e su scala sinottica-regionale, e la cui valutazione non può escludere in alcun modo la necessità di una attenta e capace valutazione locale del pericolo (singolo pendio), che può essere anche sensibilmente diverso, si rimanda alla consultazione del sito web https://meteomont.carabinieri.it, dell’App “Meteomont Carabinieri” scaricabile sugli smartphone, del sito europeo www.avalanches.org (European Avalanche Warning Services).

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE