SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Civitavecchia, il porto è il nuovo hub di riferimento della Maserati

Ieri sono partite dalla banchina n. 26 le prime 120 Maserati, prodotte negli impianti di Cassino, e dirette in Oriente (Cina, Giappone e Australia le principali destinazioni). Musolino: “Ci sono tutte le condizioni perché diventiamo l’hub di riferimento per questo prestigioso marchio”

printDi :: 02 luglio 2022 08:09
L'imbarco delle Maserati banchina 26 a Civitavecchia

L'imbarco delle Maserati banchina 26 a Civitavecchia

(AGR) Nuovo importante traffico in vista per il porto di Civitavecchia. Ieri sono infatti partite dalla banchina 26 le prime 120 Maserati, prodotte negli impianti di Cassino, e dirette in Oriente (Cina, Giappone e Australia le principali destinazioni).  La prestigiosa casa automobilistica si è resa disponibile a verificare la possibilità di scegliere Civitavecchia come hub portuale di riferimento, partendo con una spedizione di prova, in vista della conclusione definitiva dell’accordo.  

La trattativa è stata condotta dal presidente dell’agenzia Ant. Bellettieri& Co. Fabrizio Poggi, con il supporto di Cilp come impresa portuale, mentre la compagnia armatoriale è la giapponese NYK Line.  Ieri, come detto, è partito il primo viaggio con 120 auto arrivate a Civitavecchia con le bisarche da Cassino.  

“Ci sono tutte le condizioni – commenta il presidente dell’AdSP Pino Musolino – perché il porto acquisisca questo nuovo traffico, grazie al lavoro svolto dal presidente Poggi e dal suo gruppo. NYK Line conosce e scala già il nostro porto, sia per Stellantis che per il traffico di macchinari speciali. Ora che Maserati ha spostato nel Lazio la produzione, questo traffico sarebbe la definitiva consacrazione del porto di Civitavecchia come hub di NYK sul Tirreno: per noi sarebbe un grande risultato, in termini economici e di immagine, così come per tutte le imprese della filiera. E’ un primo passo anche grazie al lavoro da noi svolto nella promozione del porto e come stimolo nei confronti delle imprese portuali ad andare a cercare ulteriori traffici. E’ evidente che la realizzazione dell’ultimo miglio ferroviario costituirà un ulteriore fattore di attrattività per questa tipologia di traffico e per tutto il porto”.   

Photo gallery

L'imbarco delle Maserati banchina 26 a Civitavecchia

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE