SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Bonnie e Clyde del litorale romano sorpresi con le mani nel sacco

Aprivano le auto e le "svuotavano", notati da un cittadino che ha avvertito la polizia, i due sono stati sorpresi mentre rovistavano in un veicolo. Non hanno tentato di scappare, hanno solo chiesto di andare nella stessa volante fino al Distretto

printDi :: 18 giugno 2021 10:27
Bonnie e Clyde del litorale romano sorpresi con le mani nel sacco

(AGR) Serrato il controllo del territorio da parte degli agenti del X Distretto Lido di Roma, diretto da Mendolia Antonino, che hanno arrestato per tentato furto aggravato in concorso una coppia di romani, lui B. D. di 40 anni e lei A. E. di 45 anni. Bonnie e Clyde all’italiana, anzi del litorale romano. “Visite” in farmacie, supermercati, negozi e autovetture sono stati solo alcuni dei loro obiettivi, furti rigorosamente consumati in coppia.

Ed anche in questa occasione hanno tenuto fede alla loro tradizione perché, come più volte riferito dagli stessi nel corso dei precedenti arresti “nel bene e nel male sembra solo una frase di rito, ma in realtà per noi rappresenta l’essenza dello stare insieme”. E fedeli all’agire insieme, nella notte del 17 giugno, la coppia di romani, con un curriculum copioso di atti giudiziari per reati contro il patrimonio, è stata nuovamente sorpresa dalla volante del X Distretto nei pressi di via Bosio, subito dopo aver rovistato all’interno di alcune autovetture precedentemente  aperte con specifici arnesi da scasso.

Di fondamentale importanza è stata la segnalazione fatta da un cittadino al 112 in cui riferiva di  rumori e persone sospette, con una torcia in mano, nelle immediate vicinanze di autovetture parcheggiate. Immediatamente bloccata dagli agenti, la coppia, come consuetudine, non ha opposto resistenza o tentato la fuga, ma ha chiesto solamente di essere trasportata al X Distretto nella stessa Volante. Arrestati con l’accusa di tentato furto aggravato in concorso, per loro il Pubblico Ministero  di turno ha disposto il rito della direttissima. Le auto aperte dalla coppia sono state tre, in altre occasioni i furti sono stati ancora più numerosi. Prosegue l’attività degli investigatori del X Distretto per verificare la responsabilità della coppia anche per altri furti analoghi.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE