SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

La bandiera che riprese a sventolà

Il Tricolore nella poesia dialettale.

printDi :: 24 gennaio 2022 14:52
Dott. Ing. Comm. Settimio Simonetti

Dott. Ing. Comm. Settimio Simonetti

(AGR) La bandiera che riprese a sventolà

Comm. Settimio Simonetti

C’era ‘na vorta ‘na bandiera

Che de’ suoi colori annava fiera.

Stava su ‘na piazza dove n’c’era gnente,

Ma ce passava tanta gente.

Così annò avanti

Pe’ tanti, tanti anni,

Finché nun venne er giorno

Che se volle levà de torno.

Che sto a fa qui

A sventolà tutto er dì,     

Che sto a fa quassù

Se nessuno guarda su!

Stava ‘n cima ar pennone

Quanno pijò ‘sta decisione.

N’aveva vista de gente passà

Senza manco salutà.

Quattro giorni prima era passato ‘n giovanotto,

Uno de quelli cor giubbotto,

Che stava a dì de aggiustà er monno, ma de dasse da fa

Nun ce stava proprio a pensà,

Aveva vortato su l’occhi pe’ vedè

Se dar celo quarche manna se potesse prevedé

E nun s’era accorto manco de chi se stava a da’ da fà

E s’era messo a sbuffà.

Er giorno appresso era passato un pregiudicato

Che correva come un dannato,

Pareva che nun facesse in tempo ‘arrivà

Ma dove nun se sa,

Aveva guardato su un momento,

E ‘n sera accorto manco de’n movimento.

Er giorno appresso era passato un signore,

Co’ la faccia da gran truffatore

Che stava a dì,

Devo corre qui,

Devo corre lì

Pe’ nun famme scoprì:

Pe’ carità, da nasconne nun c’ho gnente,

Ma de ste cose è mejo de nun fa sapè a la gente.

Er giorno appresso ancora era passato uno co ‘na gran panza

Che parea de la finanza,

Ma non de quelli co’ la divisa

Ma de questi ‘n doppio ppetto con l’aria decisa,

Che pareva volesse sistemmà er monno

Ma sotto er su’ comanno.

‘nava ‘n braccetto

Co’ uno che je stava vicino stretto stretto

Che parea fosse ceco,

Ma che ‘nvece guardava bieco;

E ce vedeva bbene!

Dava l’impressione che del comanno c’avesse il gene

E con quello de la finanza

Andasse a passo de danza.

Ma er corpo grosso je l’aveva dato ‘n poveraccio

Che stava lì all’addiaccio

E che vortati su l’occhi appena,

Tanto rossi e opachi da fa pena,

J’aveva detto: come se fa a’vé speranza

Se nun se riesce a riempì la panza?

E se n’era ‘nnato quatto quatto

Manco fosse stato un gatto,

Come se se dovesse vergognà

De nun sapé come campà.

Stava pe’ scenne giù da la china 

Quanno pe’ fortuna arrivò zitta zitta ‘na bambina

Che c’aveva nell’occhi er core.

Anvedi oh che ber colore,

In do sti occhi granni e belli me ce vedo tutta tutta,

Guarda qua che botta:

Ce vedo la speranza de chi ce crede ancora

Che ‘sto monno prima o poi mijora,

Ce vedo er candore

De chi vo’ fa le cose co’ ammore,

Ce vedo er coraggio

De chi la vo’ fa finita co’ ‘sto retaggio.

Così decise de restà là

E de riprenne a sventolà.

Dott. Ing. Comm. Settimio Simonetti

Nato a Gualdo Cattaneo (Perugia) il 22 novembre 1951, residente a Perugia

Ingegnere Civile - Sezione Trasporti.

Cavaliere dell'Ordine "Al Merito della Repubblica Italiana", conferita con Decreto del Capo dello Stato del 27-12-1995.

Commendatore dell'Ordine "Al Merito della Repubblica Italiana", conferita con Decreto del Capo dello Stato del 27-12-2006.

Dirigente Superiore del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco.

È stato Docente di “Rischio Ambientale” presso l’Università degli Studi di Perugia nell’ambito del Corso di Laurea magistrale “Protezione e Difesa Civile”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE