SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Dissesto idrogeologico, 20 milioni per i canali del Lazio, al via la messa in sicurezza

M5S: Ai comuni viene anticipato il 30% della spesa, in modo da permettere l'attivazione rapida della procedura per l'apertura dei cantieri. Interventi previsti: Canali Bagnoli e Pantano (11,7 milioni), Canale Palocco (3 milioni), Isola Sacra (3 milioni)

printDi :: 18 gennaio 2021 12:24
Dissesto idrogeologico, 20 milioni per i canali del Lazio, al via la messa in sicurezza

(AGR) “Cantieri a tutela del territorio per proteggere la sicurezza umana e l’ambiente e far ripartire quella miriade di interventi che insieme, complessivamente, rappresentano l’unica vera ‘grande opera’ di cui le economie e le comunità locali hanno bisogno. Degli oltre 262 milioni di euro stanziati dal Ministero dell’Ambiente contro il dissesto idrogeologico, più di 19,3 milioni sono destinati al Lazio per la realizzazione di cinque interventi: tre in provincia di Roma, a Fiumicino, in località Isola Sacra, per 3 milioni di euro e, a Canali Bagnoli e Pantano (11,7 milioni) e Canale Palocco (oltre 3 milioni); e due in provincia di Frosinone, a Morolo, in località Famelica (1 milione), e a Sant’Andrea del Gariglian, in località Fontana (600mila euro). Le date della pubblicazione dei rispettivi bandi sono disponibili a questo link: bit.ly/367HcrJ”.

Così in una nota i consiglieri regionali M5S del Lazio. “I fondi stanziati sono quelli previsti dallo stralcio 2020 del Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico 2020 (Piano stralcio, Dl 76/2020). Si tratta di progetti immediatamente esecutivi per la messa in sicurezza del territorio dai rischi sempre maggiori derivanti da eventi climatici estremi su aree del Paese particolarmente vulnerabili. Interventi che fanno parte di un piano pluriennale fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle e dal Ministro Costa e varato nel 2019 che in questa tranche ha previsto lo stanziamento di 262 milioni di euro”.

“Come ha affermato il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, i lavori non si fermano e non possono fermarsi – spiegano i 5stelle - Quelli contro il dissesto idrogeologico sono cantieri amici dell’ambiente e dell’uomo,  per la tutela del territorio, i più importanti, per proteggere il nostro Paese fragile e affinché non ci siano più tragedie”.

“Si tratta di progetti esecutivi e cantierabili. Con il DL Agosto era stata messi a disposizione degli enti locali e delle Regioni la società in house del Ministero dell’Ambiente Sogesid. Un modo questo per aiutare le amministrazioni nella progettazione”.

“Con la medesima legge, come ha spiegato il ministro ai presidenti di Regione che sono commissari straordinari del dissesto idrogeologico, sono stati dati i poteri straordinari che permettono di ridurre del 40% i tempi. Inoltre ai Comuni interessati viene anticipato il 30% della spesa, in modo da permettere in tempi rapidi l'attivazione di tutta la procedura per la messa in opera del cantiere". “Auspichiamo quindi che ora tutti gli enti locali coinvolti, dalle Regioni ai Comuni, facciano la loro parte per avviare le procedure di accesso ai fondi e renderli operativi al più presto per rendere i rispettivi territori più sicuri a beneficio di tutti i cittadini del Lazio e che, nei provvedimenti futuri, saranno ricompresi tra gli interventi individuati anche altri territori bisognosi di manutenzione, quali ad esempio le saline di Tarquinia, in provincia di Viterbo”, concludono i 5stelle. 

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE