SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Spaccio di cocaina durante gli arresti domiciliari: in carcere 45enne di origini campane

La Polizia di Stato ha eseguito nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Firenze su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo toscano

printDi :: 20 aprile 2021 12:50
Spaccio di cocaina durante gli arresti domiciliari

Spaccio di cocaina durante gli arresti domiciliari

(AGR) Nuove accuse per un 45enne di origini campane, già agli arresti domiciliari a seguito di una misura di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Napoli nell’ambito di un procedimento per il quale lo stesso è stato indagato per aver fatto parte, secondo gli inquirenti, di un sodalizio criminoso dedito al traffico di sostanze stupefacenti.

Questa volta è il GIP del Tribunale di Firenze a disporne il carcere con una nuova ordinanza di custodia cautelare, eseguita ieri mattina dalla Sezione Antidroga della Squadra Mobile fiorentina ed emessa nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo toscano, che vedrebbe l’uomo implicato sempre in una storia di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare di cocaina.

Le indagini sono partite lo scorso ottobre 2020 dopo l’anomalo ritrovamento di oltre 4 etti di cocaina sotterrati nel parcheggio del cimitero di San Mauro a Signa (FI). A guidare gli agenti all’insolito nascondiglio era stato un 28enne fiorentino fermato durante un controllo di notte nei pressi di via della Saggina.

Nel corso della perquisizione di un immobile nelle sue disponibilità, la Polizia sequestrò mezzo chilo di cocaina e circa 300 grammi di altre sostanze stupefacenti tra hashish e marijuana e, nel prosieguo dell’attività, gli agenti scoprirono al cimitero oltre quattro etti e mezzo di cocaina.

Dopo l’arresto del 28enne gli inquirenti sono andati a fondo nella vicenda allo scopo di ricostruire la provenienza e la destinazione della droga sequestrata.

Per gli investigatori, dell’approvvigionamento della cocaina, se ne sarebbe curato proprio il 45enne oggi finito in carcere. La droga sarebbe stata poi affidata al 28enne che avrebbe partecipato all’attività di spaccio come “galoppino”, vendendo bustine di cocaina per conto del primo.

A prendere gli appuntamenti con i clienti per la consegna della “merce” ci avrebbe infatti pensato sempre il campano di 45 anni attraverso un’utenza telefonica dedicata solo ed esclusivamente a questo “servizio”.

Ai vari acquirenti veniva poi comunicata la data, l’ora e il luogo per la vendita della coca, alla quale avrebbe appunto provveduto il ragazzo a suo tempo finito in manette.

Il sistema sarebbe andato avanti persino nel periodo durante il quale il destinatario della misura cautelare era già agli arresti domiciliari nella sua abitazione fiorentina.

Da ieri il 45enne si trova al carcere di Sollicciano.

20/04/2021 12.14

Questura di Firenze 

Foto da comunicato

http://met.cittametropolitana.fi.it/

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE