SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Vela, i campionati d'altura si concludono con una grande festa

L’ottava e ultima prova in programma ha visto un vento da Nord tra 15 e 17 nodi di intensità, col mare puntellato di “ochette” bianche sulle onde corte. Due partenze per i due gruppi di barche divisi per dimensione e rating, regata veloce e spettacolare.

printDi :: 28 giugno 2021 20:42
vela campionati italiani d'altura

vela campionati italiani d'altura

(AGR) Gran finale per il Campionato Italiano di Vela d’Altura 2021 ospitato dallo Yacht Club Punta Ala e disputato in condizioni meteomarine straordinarie. Anche l’ottava e ultima prova in programma si è corsa con vento da Nord tra 15 e 17 nodi di intensità, col mare puntellato di “ochette” bianche sulle onde corte. Due partenze per i due gruppi di barche divisi per dimensione e rating, regata veloce e spettacolare sempre sul campo di gara posizionato tra Follonica e Scarlino.Partenze, passaggi di boa e arrivi sono stati ben visibili anche da terra da Punta Ala, e “ospite” eccezionale del campo di regata è stato il trimarano foiling Maserati Mod70 di Giovanni Soldini, che è stato visto sfrecciare volando sottovento alle flotte in gara.

Una partecipata cerimonia di premiazione ha concluso il campionato. Questi i podi finali delle cinque classi che hanno assegnato i titoli italiani, e gli altri premi consegnati.

GRUPPO 1 CLASSI A+B REGATA – Campione italiano 2021 è Fantaghirò, Swan 42 di Carlandrea Simonelli (CN Marina di Carrara), con Flavio Favini. In overall, il vincitore assoluto è lo yacht estone Katarina II, Swan 42 di Aivar Tuulberg, con Tommaso Chieffi alla tattica, che non concorreva al tricolore.

In classifica il terzo è Blue Sky, Swan 45 di Claudio Terrieri (NRV) con Lorenzo e Marco Bodini.

GRUPPO 1 CLASSI A+B CROCIERA – Campione italiano 2021 è Canopo, Grand Soleil 39 di Adriano Majolino (CN Riva di Traiano). Il secondo è Athyris &C, Grand Soleil 43 di Piergiorgio De Nardis (CV Roma), il terzo è Morgan IV, altro Grand Soleil 39 di Nicola De Gemmis (CC Barion).

Per il Gruppo 1, a Duende Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti (CN Riva di Traiano) con Giancarlo Simeoli è andato il Trofeo dei Tre Mari, assegnato alla prima imbarcazione classificata tra quelle provenienti dalle qualifiche. Migliore armatore-timoniere di questo gruppo è Claudio Terrieri con il suo Blue Sky.

GRUPPO 2 CLASSE C REGATA – Campione italiano 2021 è Scugnizza, l’Italia Yachts 11.98 di Vincenzo De Blasio (CC Napoli). Il vincitore overall è l’altro yacht estone Sugar 3, dell’armatore Ott Kikkas, con Sandro e Paolo Montefusco. Terzo in classifica Trottolina Bellikosa, X35 di Saverio Trotta (YC Marina del Gargano).GRUPPO 2 CLASSE C CROCIERA – Campione italiano 2021 è South Kensington, il Beneteau First 35 di Licata D’Andrea (CV Siciliano), davanti a Low Noise II, Italia 9.98 di Luigi Valerio Dabove (CDV Erix) a Varenne, Italia 11.98 di Giovanni Toscano (NIC Catania).

GRUPPO 2 CLASSE D CROCIERA – Campione italiano 2021 è Vlag, Vismara 34 di Luca Baldino (YC Gaeta) con Ernesto Angeletti e Fabio Montefusco. Secondo è Northern Light P38, Dufour 34 di Enzo Ricordo (YC Capo D’Orlando) (4-6), e terzo Mart D’Este, Este 31 di Edoardo Lepre (CV Fiumicino).

Per il Gruppo 2 il Trofeo dei Tre Mari è andato a Vincenzo De Blasio con il suo Scugnizza, che vince anche il titolo di primo armatore-timoniere per il suo gruppo.

Il Presidente dello YC Punta Ala Alessandro Masini: “E’ sempre un piacere e un onore ospitare un campionato italiano, era da tempo che volevamo organizzarlo e ringrazio la FIV e l’UVAI per averlo assegnato. Ringrazio tutti gli armatori e gli equipaggi, è bello avervi ospiti del nostro club e speriamo di vedervi tornare presto, vi aspettiamo a Punta Ala!”

Il Presidente FIV Francesco Ettorre: “Siamo contenti di come è andato questo Italiano, per noi questa è una regata importantissima, in prospettiva puntiamo a farla diventare un evento, come tutte le Regate FIV, sia sotto l’aspetto sportivo che dal punto di vista del contorno. Un altro obiettivo sul quale stiamo lavorando in Federazione è quello di sviluppare l’attività delle classi Altura tra i giovani, vogliamo che cresca la voglia di impegnarsi in questa vela, e non solo come ripiego dalle classi olimpiche. Grazie e complimenti allo Yacht Club Punta Ala e a tutti i partecipanti.”

Il Presidente UVAI Fabrizio Gagliardi: “Venire a Punta Ala è una garanzia, ci si sente a casa e si regata in condizioni sempre perfette. Sono sicuro che torneremo, anzi stiamo lavorando a creare i presupposti per ospitare qui qualche evento internazionale, le condizioni ci sono tutte. Unica nota stonata il numero di barche che poteva essere ben maggiore, in futuro dovremo evitare che nel calendario ci siano altre regate sovrapposte.”

I neo campioni

Carlandrea Simonelli, armatore di Fantaghirò: “Questo è uno scenario fantastico, una settimana meravigliosa, condizioni ideali e grande accoglienza. E’ stato un campionato combattuto, abbiamo sperato fino all’ultimo di vincere la classifica overall, ma faccio i complimenti agli amici estoni che ci hanno battuto. Noi siamo molto soddisfatti di aver portato a casa questo titolo italiano del quale siamo onorati.”

Adriano Majolino, armatore di Canopo: “Per la nostra classe è stato un titolo soffertissimo, vinto per mezzo punto, una bella flotta competitiva e agguerrita, meteo splendida e ottimo Comitato di Regata. Lavoriamo da sei anni al miglioramento della barca e dell’equipaggio, siamo ben condotti dal nostro team manager e dal nostro coach, io ci metto tutto l’impegno da timoniere e armatore.”

Vincenzo De Blasio, armatore Scugnizza: “Non potevamo venire fuori dal Covid meglio di così, un posto meraviglioso e una organizzazione splendida, veramente un evento che è andato oltre le stesse aspettative. Il segreto è nell’equipaggio, l’arma vincente è l’aver creato un gruppo coeso, senza un ambiente piacevole e di amicizia non si possono ottenere risultati.”

Massimo Licata D’Andrea, South Kensington: “E’ stata una bella battaglia, la nostra barca non è nuovissima e battere scafi di ultima generazione è una grande soddisfazione. Ci proviamo da tre anni e arriviamo secondi, finalmente ce l’abbiamo fatta. La nostra forza è la qualità dell’equipaggio, ragazzi fantastici, il gruppo per noi è il vero valore.”

Luca Baldino, armatore di Vlag: “Un evento molto ben organizzato, campo di regata straordinario, tecnico perché il vento si incanala nel canale tra Elba e Piombino. Sono molto contento, siamo un team consolidato, corriamo insieme da anni, per noi è una conferma dopo il titolo del 2019, una grande soddisfazione.”


Photo gallery

vela campionati altura equipaggi vincenti
vela campionati italiani d'altura equipaggi vincenti
vela campionati italiani d'altura equipaggi vincenti
vela campionati italiani d'altura equipaggi vincenti
vela campionati italiani d'altura equipaggi vincenti

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE