SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, caccia ai borseggiatori sui mezzi pubblici cinque in manette e due denunce

A Porta Portese i carabinieri hanno arrestato 3 donne di origini slave e di età compresa tra i 27 e 41 anni, tutte con precedenti e provenienti dal campo nomadi di Castel Romano, per aver derubato una cittadina cilena, a Roma per turismo alla stazione ferroviaria “Roma Trastevere”.

printDi :: 22 gennaio 2023 13:11
Carabinieri controlli fermate metro

Carabinieri controlli fermate metro

(AGR) Prosegue l’attività di controllo dei Carabinieri del Gruppo di Roma nelle principali aree d’interesse artistico, nelle zone commerciali e nelle stazioni e nelle fermate dei mezzi di trasporto pubblico finalizzati alla prevenzione dei reati di natura predatoria ai danni di persone e negozi.

Il bilancio delle attività dei Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma, è di 5 persone arrestate e di altre 2 denunciate a piede libero, gravemente indiziate del reato di furto aggravato.

A finire in manette sono stati un cittadino algerino di 30 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, che in via Napoleone III, quartiere Esquilino, è stato visto dai Carabinieri del Comando Roma piazza Venezia mentre sfilava dalle tasche di una donna che passeggiava in strada un telefono cellulare. L’uomo è stato immediatamente fermato dai militari.

I Carabinieri della Stazione Roma Porta Portese, invece, hanno arrestato 3 donne di origini slave e di età compresa tra i 27 e 41 anni, tutte con precedenti e provenienti dal campo nomadi di Castel Romano, gravemente indiziate di aver derubato una cittadina cilena, a Roma per turismo, mentre si serviva di uno degli ascensori della stazione ferroviaria “Roma Trastevere”.

Poco dopo, i Carabinieri della Stazione Roma viale Eritrea hanno fermato un cittadino cileno di 30 anni, nella Capitale senza fissa dimora e incensurato, dopo averlo notato alla fermata “Flaminio” della linea A della metropolitana mentre stava tentando di sfilare il portafogli dalla borsa di una turista.

In tutti i casi la refurtiva è stata interamente recuperata e restituita alle legittime proprietarie dopo la formalizzazione delle rispettive querele nei confronti degli indagati.

Per tutti gli episodi di furto, le vittime hanno presentato regolare denuncia querela e gli arresti sono stati convalidati.

Due cittadini marocchini, infine, sono stati denunciati a piede libero dai Carabinieri del Nucleo Scalo Termini per furti avvenuti all’interno dello scalo ferroviario.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE