SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Salvatore Dattolo: un’arte in bilico tra concetto e divertissement

Per sfuggire al confinamento l'artista è andato alla ricerca di spazi interiori di libertà. Ogni opera è diventa impulso, poesia, una nuova strada mentale da esplorare portando in primo piano il pensiero ed il concetto rispetto all’impatto visivo

printDi :: 01 settembre 2021 22:28
Salvatore Dattolo opere

Salvatore Dattolo opere

(AGR) di Anna Iozzino

Dopo la significativa Mostra di sculture in legno o in tufo, allestita nella splendida sala meeting del seicentesco Palazzo Falletti nel 2018 e dedicata ai “PERSI”, cioè a tutte quelle persone deboli, sfortunate o disadattate che si perdono nelle strade del mondo, Salvatore Dattolo, nell’angoscioso isolamento di questa pandemia virale 2020 – 2021, ha creato una nuova serie di sculture con il titolo provocatorio ed oscuro di INPAPU, con uno stile in bilico tra concetto e divertissement, inteso in senso filosofico come distrazione e fuga dai problemi pratici ed esistenziali. Blaise Pascal (1623 – 1662), a tale proposito ha scritto: «Gli uomini, non avendo potuto guarire la morte, la miseria, l’ignoranza, hanno creduto meglio, per essere felici, di non pensarci».

Ancora una volta il racconto plastico di Salvatore Dattolo – esposto nel mese di luglio nel “Giardino della Famiglia” della Chiesa di Santa Monica nell'ambito delle attività dell'Associazione culturale Clemente Riva, presieduta con competenza e passione dal giornalista Gianni Maritati - è sciolto ed avvincente, ricco di simboli religiosi e politici, realizzato con i materiali più vari: legno, polistirolo, ferro filato, colori ed altro. Sono undici opere popolate da elementi apparentemente quotidiani, ma che sono portatori di significati concettuali che si riferiscono al suo mondo poetico, simbolico, creativo e sperimentale. Guardando attentamente queste opere chiuse nella struttura architettonica dell'INPAPU – Il pozzo dei cattivi, L’arco viola, I fluidi, La scala dei buoni, Diavolo, Sculture all’opera, L’albero divino, Madonna, Bella di notte, Il matto – s'intuisce che sono forme plastiche con riferimenti misteriosi al tangibile, sono anche il simbolo e l’essenza dei suoi sogni fatti di musica e d’amore per l’arte e la vita.

Per sfuggire al confinamento quest’artista è andato alla ricerca di spazi interiori di libertà e così ogni opera è diventa impulso, poesia, una nuova strada mentale da esplorare portando in primo piano il pensiero ed il concetto rispetto all’impatto visivo ed emotivo dell'opera d'arte in un’autonoma alterità. È una contaminazione tra concetti e volumi, tra tragedia e fuga dal reale, tra interiorità ed esteriorità, tra particolare ed universale.

Photo gallery

l'arco di Viola
il pozzo dei cattivi
la scala dei buoni
I fluidi

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE