SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, l'educazione stradale nelle scuole dell'infanzia

L’accordo triennale prevede una formazione sull’educazione stradale per tutte le insegnanti, che a loro volta svilupperanno per i bambini, nelle rispettive classi, il progetto “La Buona Strada della Sicurezza”, riservato ai bimbi dell'ultimo anno

printDi :: 05 agosto 2021 17:20
Roma, l'educazione stradale nelle scuole dell'infanzia

(AGR) Firmato il protocollo di intesa tra Roma Capitale e Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili per la formazione di tutte le insegnanti delle scuole dell’infanzia capitoline sul tema dell’educazione stradale. L’obiettivo finale è realizzare progetti su questo tema per i piccoli alunni.

L’accordo triennale prevede la formazione sull’educazione stradale per tutte le insegnanti, che a loro volta svilupperanno per i bambini, nelle rispettive classi, il progetto “La Buona Strada della Sicurezza”, elaborato dal Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili per gli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia. Il progetto nelle scuole dell’infanzia capitoline partirà già dall’anno scolastico 2021/2022 e prevederà per l’intera durata del protocollo una formazione estesa a tutto il personale insegnante delle scuole dell’infanzia capitoline nell’ambito della formazione obbligatoria.

“Il lavoro con i piccoli è determinante per il loro futuro di adulti consapevoli e responsabili, educati al rispetto dell’altro e delle regole. Possiamo iniziare da subito ad insegnare loro le basi dell'educazione stradale, con il linguaggio e i metodi educativi più adatti”, afferma la sindaca Virginia Raggi.

"Come  Amministrazione, con la sottoscrizione di questo protocollo, assicuriamo il rispetto della normativa ma soprattutto promuoviamo con questo progetto azioni mirate a sviluppare nelle bambine e nei bambini conoscenze, valori e comportamenti per adottare e mantenere  in futuro stili di vita sicuri, dove la sicurezza stradale viene intesa come il risultato di una maturazione etica, capace a lungo di sviluppare nei bambini e adolescenti la figura del cittadino adulto e autonomo, consapevole di avere un ruolo attivo nella  collettività”, dichiara l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale Veronica Mammì.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE