SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, via allo sgombero del campo rom "La Barbuta", sesto insediamento chiuso dal 2017

Dal 2017 a oggi grazie agli interventi attuati secondo le linee del Piano, è stata registrata una diminuzione delle presenze del 41,1% nei campi autorizzati e del 34,9% in situazioni abusive o non regolari. A La Barbuta, registrato il 65% in meno di presenze

printDi :: 23 settembre 2021 15:37
Roma, via allo sgombero del campo rom La Barbuta, sesto insediamento chiuso dal 2017

(AGR) Sono iniziate questa mattina le operazioni di sgombero del campo rom “La Barbuta” così come disposto dall’Ordinanza della Sindaca di Roma Virginia Raggi. L’obiettivo è ripristinare le condizioni ambientali e igienico sanitarie a tutela della salute pubblica. Dopo Camping River, Schiavonetti, Foro Italico, l'area F del campo di Castel Romano e Monachina, questo è il sesto insediamento superato e chiuso dall’attuale amministrazione capitolina.

A Roma, dal 2017 a oggi, grazie agli interventi attuati secondo le linee del Piano Rom, è stata registrata inoltre una diminuzione delle presenze del 41,1% nei campi autorizzati e del 34,9% in situazioni abusive o non regolari. 
 
Nel campo rom “La Barbuta”, in particolare, al termine di un progetto sociale interamente finanziato con fondi europei durato tre anni e curato da Croce Rossa Italiana, è stata registrata una diminuzione delle presenze del 65%. Dei residenti rimanenti, circa i due terzi hanno firmato il Patto di solidarietà con il Comune di Roma e sono stati dunque coinvolti, come previsto, in progetti di cohousing. 

Con le operazioni di oggi si sta procedendo allo sgombero delle persone rimaste all’interno dell’insediamento e al reinserimento dei fragili in strutture adeguate. Successivamente alle attività di allontanamento dei nuclei, viene avviata la rimozione dei moduli abitativi liberati e la pulizia e la bonifica dei luoghi.

Prosegue dunque l’azione di superamento e chiusura dei campi rom presenti in città in linea con quanto previsto dal Piano Rom. Un’azione che viene affiancata anche da un intenso lavoro sul contrasto al fenomeno dei roghi tossici. Dal 2017 a oggi è stata registrata, infatti, una diminuzione del fenomeno dell’83,2%, testimonianza dell’impegno profuso dall’amministrazione e dalle Forze di Polizia nel contrasto a tali fenomeni di illegalità.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE