SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Racket dei posteggi, si rifiuta di pagare, aggredito da un 29enne tunisino

Aspettava un parente nei pressi di un nosocomio. Era regolarmente parcheggiato, quando si è avvicinato ed ha chiesto soldi per il parcheggio un giovane, al rifiuto, l'aggressione a pugni e calci. Rintracciato dagli agenti l'uomo è stato fermato per estorsione

printDi :: 05 febbraio 2021 14:01
Racket dei posteggi, si rifiuta di pagare, aggredito da un 29enne tunisino

(AGR) Ha preso prima a calci la sua auto poi lo ha colpito al volto con un pugno. E’ successo la settimana scorsa nei pressi dell’ingresso principale dell’ospedale sulla Circonvallazione Gianicolense.La vittima, in attesa di un parente che stava effettuando una visita si è fermato all’interno dell’auto, regolarmente parcheggiata, quando ad un tratto è stato avvicinato da un ragazzo con un paio di jeans ed un maglione a righe, bianco rosso che ha preteso dei soldi per il parcheggio. Al rifiuto dell’uomo è scattata l’aggressione. 

Ad avviare le indagini, sulla base del primo intervento effettuato dalle sezioni Volanti, gli investigatori del XII Distretto Monteverde, diretto da Maria Chiaramonte.Un’ attenta valutazione dei primi elementi raccolti dai poliziotti, ha indotto gli investigatori a concentrarsi su un giovane 29enne di origine tunisina, tra l’altro riconosciuto anche dalla vittima in sede di ricognizione fotografica.

Per il suo rintraccio poi gli investigatori hanno organizzato una serie di servizi nei luoghi abitualmente frequentati dal giovane.Ad individuarlo è stato tuttavia un poliziotto, libero dal servizio proprio sulla Circonvallazione che, insieme ad una pattuglia chiamata in ausilio, hanno sottoposto il cittadino tunisino a Fermo perché gravemente indiziato del reato di tentata estorsione aggravata.

Dopo la convalida, al giovane è stato imposto l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE