SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Minaccia l'anziana madre in strada, vuole i soldi per la droga e finisce in manette

“Io te ammazzo me devi dà...li soldi"”: sentita questa frase e visto un uomo avventarsi su una donna tra i 60 ed i 65 anni, un passante è intervenuto per aiutarla ma è stato minacciato...chiamata la polizia una volta sul posto gli agenti l'hanno arrestato

printDi :: 04 settembre 2020 17:19
Polizia di Stato: Controlli del week end, 4 arrestati e 3 denunciati

Polizia di Stato: Controlli del week end, 4 arrestati e 3 denunciati

(AGR) “Io te ammazzo me devi dà...li soldi"”: sentita questa frase e visto un uomo avventarsi su una donna tra i 60 ed i 65 anni, un passante è intervenuto per aiutare la signora ma è stato a sua volta minacciato..."Non ti azzardare a chiamare la polizia"

A questo punto il soccorritore si è allontanato a “distanza di sicurezza” ed ha chiamato il NUE 112: l’operatore della Polizia di Stato ha subito inviato due pattuglie, una del Reparto Volanti ed una del commissariato Porta Maggiore, a verificare quanto dichiarato telefonicamente. Quando gli agenti sono arrivati, D.G.D. stava ancora minacciando l’anziana signora e, al loro avvicinarsi, il 38enne romano ha estratto dalla tasca dei pantaloni una bomboletta di spray al peperoncino puntandogliela contro. Prontamente bloccato, l’uomo è stato arrestato e portato negli uffici di polizia per redigere gli atti di rito.

La vittima, madre dell’aggressore, ha raccontato ai poliziotti che il figlio, dedito all’uso di sostanze stupefacenti, ormai da tempo le chiedeva i soldi per comprare la droga e, quando lei glieli rifiutava, lui andava su tutte le furie e la aggrediva verbalmente e fisicamente.In questa circostanza era arrivato a minacciarla di morte mettendole anche le mani al collo: portata al pronto soccorso dell’ospedale Casilino, è stata dichiarata guaribile in 7 giorni.

D.G.D., su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato portato a Rebibbia e dovrà rispondere dei reati di tentata estorsione e minacce a Pubblico Ufficiale.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE