SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Pasqua, prove tecniche d'Estate, aperti la metà degli stabilimenti

Antonio Capocchione, presidente del Sib avverte: il 50% degli impianti balneari accoglieranno i turisti per le festività. In spiaggia molti stabilimenti manterranno le distanze già adottate con il covid tra gli ombrelloni per garantire qualità e comfort.

printDi :: 16 aprile 2022 16:54
Pasqua, prove tecniche d'Estate, aperti la metà degli stabilimenti

(AGR) “L’attenuazione delle norme anti-Covid e le minori precauzioni per i viaggi dall’estero, unita alla voglia di uscire all’aria aperta e tornare alla normalità, fa sì che ci aspettiamo tanti italiani e stranieri in spiaggia per la Pasqua 2022 – ha dichiarato Antonio Capacchione, presidente del Sindacato Italiano Balneari aderente a FIPE/Confcommercio”.

Come è facile prevedere in alcune località mancheranno i turisti russi e quelli ucraini, un danno non solo dal punto di vista dei numeri ma, soprattutto, per la propensione alla spesa, sempre superiore alla media.

“Ovunque le prospettive sono positive - ha continuato Capacchione - siamo pronti a ripartire e ad offrire quei servizi che, da sempre, rappresentano il ‘fiore all’occhiello’ del nostro turismo, unici al mondo e caratteristica del ‘Made in Italy’. Anche se oggi il Covid fa meno paura in spiaggia molti stabilimenti manterranno le distanze già adottate tra gli ombrelloni, (questo per garantire qualità e comfort), e con offerte aggiuntive come la possibilità di ordinare e consumare il pasto dal lettino. Nonostante i gravi e colpevoli ritardi del Governo nel mettere in sicurezza amministrativa questo settore, ci siamo impegnati, come sempre, a fornire quei servizi che il mondo ci invidia”.

“In tutta Italia abbiamo aperto le porte degli stabilimenti a chi fugge dalla guerra - ha continuato il presidente del Sindacato - non solo ospitalità, ma anche occupazione per le varie figure di lavoratori stagionali che, negli ultimi tempi, fatichiamo a trovare”.

“Sulle problematiche inerenti 30.000 imprese balneari italiane, però - ha concluso Capacchione - è urgente un intervento legislativo nazionale che, da una parte elimini gli effetti devastanti della sentenza dell'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, dall’altra dia certezza agli operatori e, soprattutto, incentivi gli investimenti nel settore”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE