SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ostia, prime piogge, tornano gli allagamenti

print11 novembre 2019 12:52
Ostia, prime piogge, tornano gli allagamenti
"Il municipio X è senza ombra di dubbio l'area della nostra città più esposta agli allagamenti. - afferma Marco Possanzini, Sinistra Italiana X Municipio - Viviamo una emergenza permanente causata da una cementificazione selvaggia, un abusivismo espansivo e predatorio, una scellerata impermeabilizzazione del suolo, e una colpevole mancanza di manutenzione ordinaria e straordinaria dei canali di scolo e delle caditoie. Nonostante questa consapevolezza, impugnata in campagna elettorale dal M5S, dopo anni di governo del Municipio e della città di Roma siamo ancora all’anno zero.

Caditoie ostruite, quasi cementate per il materiale refluo che negli anni si è compattato nei pozzetti, canali di scarico completamente abbandonati, anche quelli di competenza municipale, spesso intasati da rottami e vegetazione, sono la fotografia che caratterizza uno dei Municipi di Roma Capitale più a rischio allagamenti. L’ assenza totale di programmazione della manutenzione ordinaria di canali e caditoie è la cifra distintiva di una amministrazione che, dopo tante parole, ha lasciato il tema della messa in sicurezza idraulica al fato, alla casualità, alla speranza di eventi meteo non particolarmente gravi.

E’ oltremodo assurdo, inoltre che in pieno autunno, con previsioni di eventi meteo importanti quanto frequenti, si inizi a pulire i canali e i fossi di raccolta acque piovane non prima della fine di Novembre. Questi lavori andrebbero programmati e svolti durante la stagione primaverile ed estiva, - continua Possanzini - periodi dell’anno dove la bassa piovosità permette di programmare gli interventi in sicurezza. Quindi la gara per l’appalto andava fatta per tempo con la consapevolezza che nel nostro emisfero esistono quattro stagioni di cui due particolarmente piovose. Non parliamo poi della disostruzione delle caditoie, argomento mai affrontato con concretezza e con metodo ma sempre utilizzato per fini elettorali. Ci sono pericoli reali, soprattutto nelle zone del Municipio più esposte all’emergenza idraulica, ma nessuno ha pensato bene di intervenire per tempo per ridurre il rischio allagamenti. Ma non c’è solamente una assoluta assenza dell’amministrazione nel programmare gli interventi di manutenzione ordinaria. L'autorità di Bacino Fiume Tevere ha pubblicato un nuovo decreto relativo al PAI e redatto una nuova mappa del rischio idraulico per il X. Tale documento prevede la riclassificazione di due zone dell’infernetto da zone ad elevato rischio idraulico a zone a rischio inondazione lieve. E’ del tutto evidente che questa riclassificazione rischia di determinare nuove colate di cemento in quell’area, una per tutte: il mega

Chiediamo quindi alla Giunta Di Pillo - conclude il portavoce di SI - di attivarsi per disostruire con urgenza canali e caditoie soprattutto nei quadranti più a rischio allagamento; dire chiaramente alla città che non verranno concesse autorizzazioni per costruire mostri in cemento, soprattutto nelle aree più a rischio idraulico come Infernetto; impegno ad approvare e portare a termine in tempi ragionevoli un piano generale di messa in sicurezza idraulica di tutto il Municipio”.

Ostia, prime piogge, tornano gli allagamenti

Ostia, prime piogge, tornano gli allagamenti

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE