AGR on Line

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
Acilia Nord, un quartiere dimenticato!!!
Acilia Nord, i cittadini denunciano lo stato di abbandono del quartiere
Municipio X rivoluzione in arrivo nella raccolta differenziata
Panda Raid 2018 - Da Madrid a Marrakkech con una vecchia Panda del Nonno
Panda Raid 2018 - 400 Panda 4x4 nel deserto del Sahara
GREATPIXEL disegna la App per lo store KIKO più grande (e più tecnologico) al mondo
Tragico incidente sulla Majella. Soccorso Alpino impegnato anche sul Gran Sasso
Don luigi Ciotti - Presidente di Libera -Ci vuole una presenza comune, serve il 'noi'
X Municipio, Forza Italia avanza
X Municipio, sfida tra due donne per la presidenza
AGR Partner

  

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI



 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili
 

Regione: Lazio    Sezione: AGR - Politica02/11/2018 16.36.00

Mare per tutti...risarcimento danni solo agli stabilimenti in regola

L'associazione Marextutti: non si possono violare le regole e pretendere soldi pubblici per i risarcimenti. Sono i cittadini a dover essere risarciti



(AGR) "La perturbazione che ha investito l'Italia - analizza l'associazione Marextutti - ha scatenato una fortissima mareggiata che, come da copione, ha letteralmente spazzato via molte delle strutture fisse realizzate sul nostro litorale ed in particolare nelle spiagge in concessione.  Molte delle strutture presenti negli stabilimenti balneari sono state danneggiate. Rottami di ogni tipo, materiali di varia composizione, PVC, materiali plastici, compositi, addirittura potenzialmente nocivi, sono finiti in mare a seguito della poderosa mareggiata che si è abbattuta sulle nostre coste.

Siamo come al solito alla conta dei danni con la potente lobby dei balneari che ha immediatamente chiesto lo stanziamento di soldi pubblici al fine di essere risarciti per il danno "subito".  Le strutture abbattute dalla mareggiata, troppo spesso ancorate a illegali quanto solide basi in cemento armato, dovrebbero per legge essere amovibili e cioè totalmente smontabili a fine stagione balneare. Il fatto che si siano realizzate strutture fisse sulla spiaggia, palificazioni, manufatti non ecocompatibili in prossimità della battigia o addirittura in acqua, rende inamissibile la richiesta di risarcimento da parte dei balneari.

Chi deve essere risarcito dagli "stabilimentari" sono invece i cittadini - prosegue l'associazione-  perché quei materiali dispersi in mare, o abbandonati in qualche "area tecnica", determinano un danno ambientale enorme che non può essere ignorato. Hanno blindato il lungomare realizzando un "lungomuro" lungo quasi 10 km, non rispettano il codice della navigazione così come le leggi vigenti, Ordinanze della Sindaca incluse, però pretendono soldi pubblici a titolo di risarcimento per un danno che non hanno di certo subito ma che hanno determinato realizzando costruzioni non amovibili, non ecocompatibili, in parecchi casi addirittura abusive, invadendo impunemente la battigia".



Autore: AGR: EB - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR TV la Tv a portata di Click

AGRTV Live