AGR on Line

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
Ostia, le ruspe aprono la strada...ad un nuovo lungomare
Acilia Nord, un quartiere dimenticato!!!
Acilia Nord, i cittadini denunciano lo stato di abbandono del quartiere
Municipio X rivoluzione in arrivo nella raccolta differenziata
Panda Raid 2018 - Da Madrid a Marrakkech con una vecchia Panda del Nonno
Panda Raid 2018 - 400 Panda 4x4 nel deserto del Sahara
GREATPIXEL disegna la App per lo store KIKO più grande (e più tecnologico) al mondo
Tragico incidente sulla Majella. Soccorso Alpino impegnato anche sul Gran Sasso
Don luigi Ciotti - Presidente di Libera -Ci vuole una presenza comune, serve il 'noi'
X Municipio, Forza Italia avanza
AGR Partner

  

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI



 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili
 

intopic
Regione: Nazionali    Sezione: AGR - Economia18/06/2018 15.23.00

Agricoltura, prima l'ambiente e poi i profitti

Il presidente Michele Tiso: la politica delle monoculture estensive che prevedono l'uso di pesticidi deve finire



(AGR) “Vogliamo augurare al neo Ministro dell'Agricoltura e del Turismo, Gian Marco Centinaio, un proficuo lavoro. Egli stesso si è ripromesso di favorire il rilancio dei nostri prodotti agroalimentari tutelandone l'immagine e premiandone qualità, salubrità ed eccellenza”. Ad affermarlo è Andrea Michele Tiso, presidente della “Confeuro”, Confederazione degli Agricoltori Europei e del Mondo, nata per tutelare e favorire i piccoli produttori agricoli e le medie imprese del sistema primario e dell’indotto. Tiso specifica: “Abbiamo vissuto, negli ultimi lustri, scenari incerti. Tutti i precedenti ministri dell’Agricoltura si erano imposti di risolvere o comunque di analizzare con i protagonisti le iniziative da assumere per dare un senso all'esistenza anche dei piccoli agricoltori, che si alimentano ancora di terra e sole.

Questo quadro difficile può provocare la nascita e l’inasprimento delle contrapposizioni tra agricoltori che lavorano, tutelando l'ambiente e i loro colleghi che impiegano tecniche futuristiche per spingere le produzioni, avendo per obiettivo esclusivamente il profitto, trascurando la cura dell’ambiente e inquinando massicciamente cielo e terra”. Alla luce di tutto questo, Confeuro è convinta che le soluzioni siano da ricercare in un nuovo approccio culturale consapevole e innovativo, che riconsideri proprio i piccoli ma indispensabili contadini che praticano l'agroecologia - agricoltura biologica, biodinamica e che con sapienza interrogano la natura con metodi compatibili. “Il persistere nell'uso consistente di prodotti agrochimici - afferma contrariato Tiso -, senza un piano razionale di interventi, non solo minerebbe la sopravvivenza delle piccole aziende del bio, ma minaccerebbe sul medio e lungo periodo, la salute collettiva. Non scopriamo nulla se affermiamo che i grandi gruppi agrochimici stanno trasformando le campagne in nuovi campi da gioco sui quali si accettano scommesse. La ricerca e l'evoluzione scientifica hanno dimostrato che i pericoli correlati all’uso dei pesticidi sono superiori ai vantaggi immediati. L’impoverimento della biodiversità è giudicato una grande minaccia per l’umanità”.

 

Altra preoccupazione per i piccoli agricoltori è, inoltre, la riforma della Politica agricola Ue che, oltre ai tagli sul budget 2021-2027, rischia di introdurre il concetto della flessibilità, che potrebbe portare alla “rinazionalizzazione” della PAC. “Un danno incommensurabile”, secondo Confeuro, preludio della fine delle attività agricole: “Occorre garantire alle aziende la sostenibilità economica. I produttori devono restare una priorità per la Ue. La riforma deve rimodulare i criteri con i quali vengono veicolati gli aiuti, di cui i primi beneficiari dovrebbero essere i piccoli agricoltori, impegnati nelle coltivazioni alternative, previste in un programma di riconversione all'agroecologia - propone come soluzione il presidente Tiso -. La funzione territoriale dell’agricoltura è ormai acquisizione della generale sensibilità di cittadini e pubblica amministrazione. Va segnalato peraltro, che questa funzione è interpretata quale condizione ed obiettivo che motivano la stessa PAC, con gli istituti ‘disciplinari’ denominati “condizionalità e greening” che confermano la visione "ambientalistica" a cui destinare le risorse Ue”.

Quindi, Confeuro rivolge un appello ad allevatori, apicoltori e agricoltori: “Dobbiamo trovare insieme una soluzione al nostro problema che sia sostenibile per uomini, animali, terra e ambiente. E per raggiungere questo risultato serve una forte convinzione, spesso contrastata dagli interessi forti dell’industria agrochimica e sementiera. Per questo è fondamentale che la popolazione venga sensibilizzata e a noi occorre più tempo per consentire alla ricerca applicata di suggerire gli orientamenti e gli indirizzi produttivi, partendo dall'immediato con un concreto piano di riconversione che preveda la trasformazione dei sistemi agricoli convenzionali, in pratiche di coltivazioni agroecologiche, biologiche”. Insomma, prima la natura e l'ambiente, poi il profitto: “La politica delle monocolture estensive che prevedono l’impiego di pesticidi andrà progressivamente a finire, la stessa Ue sembra rendersene conto. Ci auguriamo che ponga in essere disincentivi e sanzioni per chi ne fa uso”, auspica il presidente Tiso.



Autore: AGR: EB - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR TV la Tv a portata di Click

AGRTV Live

 

"Partecipa anche tu, con un piccolo contributo,

affinchè l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti"