AGR on Line

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
Acilia Nord, i cittadini denunciano lo stato di abbandono del quartiere
Municipio X rivoluzione in arrivo nella raccolta differenziata
Panda Raid 2018 - Da Madrid a Marrakkech con una vecchia Panda del Nonno
Panda Raid 2018 - 400 Panda 4x4 nel deserto del Sahara
GREATPIXEL disegna la App per lo store KIKO più grande (e più tecnologico) al mondo
Tragico incidente sulla Majella. Soccorso Alpino impegnato anche sul Gran Sasso
Don luigi Ciotti - Presidente di Libera -Ci vuole una presenza comune, serve il 'noi'
X Municipio, Forza Italia avanza
X Municipio, sfida tra due donne per la presidenza
X Municipio, il 'manifesto' dell’autonomia di Beatrice Lorenzin
AGR Partner

  

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI



 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili

Regione: Nazionali    Sezione: Ambiente - Territorio04/03/2018 17.12.00

Burian, danni all'agricoltura, a rischio anche la mimosa per l'8 marzo

Den uncia Confagfricoltura: persi raccolto di prodotti ortofrutticoli. Per il gelo in Liguria poche mimose



(AGR)“Raccolti ortofrutticoli, ma anche piante, perse a causa dell’ondata di freddo siberiano sul nostro Paese. Ora si cominciano a contare i danni; la prima conseguenza tangibile del maltempo sarà la minore presenza di mimose, almeno di quelle italiane ed in particolare liguri. Il gelo ha distrutto gli splendidi fiori sugli alberi”. Lo sottolinea Confagricoltura che, con una task force, sta monitorando la situazione nelle varie regioni.

“Si sono persi i raccolti in campo di verdure, ma anche gemme delle piante da frutto, con la conseguenza di meno prodotti estivi – osserva Confagricoltura -. Difficoltà anche per gli impianti di produzioni; danni strutturali, anche per il vento forte, alle serre a tunnel e, per il gelo, alle condutture idriche per le stalle. Costi in aumento per il riscaldamento delle serre”.

“Insomma – rileva Confagricoltura - Burian ha lasciato danni considerevoli all’agricoltura, che dovranno essere ora stimati con puntualità ma che si possono, orientativamente, indicare in alcune centinaia di milioni di euro”.

“Si ripropone, come altre volte, il nodo degli aumenti al dettaglio, non sempre  giustificati – denuncia Confagricoltura -. Ad aggravare la situazione  i problemi dei trasporti, con le difficoltà di transito e di ritiro del prodotto nelle zone produttive. Le primizie (come fragole, asparagi, pisellini e fave) già cominciano ad apparire sui banchi con prezzi elevati, che potrebbero impennarsi del 20-30% nei prossimi giorni ed anche per le orticole di stagione si teme un rialzo del 15-20%”.

Confagricoltura Liguria ha chiesto lo stato di calamità naturale. I danni più gravi vanno  imputati alle basse temperature ed al forte vento ed hanno riguardato per produzioni floricole ed orticole. Compromessi limoni e aranci e, un po’ ovunque nella regione, ci sono state condutture per l’irrigazione delle serre fortemente danneggiate dal gelo.  Nell’entroterra molti aziende ed agriturismi hanno segnalato la perdita totale degli orti e ingenti danni agli alberi, con temperature, a Rialto di -10 C° e una media a -5 C° che ha danneggiato un po’ tutto. Problemi anche in zootecnia e per gli animali in genere. Nella riviera di Ponente i maggiori danni si sono riscontrati in pieno campo e si stima sia stata persa tutta la ginestra e la mimosa in fiore. Il risultato è che avremo meno mimose per la festa dell’8 marzo; perso almeno il 30% della produzione floricola in pieno campo di ranuncoli e anemoni

Nel Lazio, ad esempio, danni ingenti per gli alberi in fiore (pesche, susine, ciliegie)  ed in particolare per l’actinidia (ridotto almeno il 20% di raccolto di kiwi); ci sono preoccupazioni per olivo, vite e nocciolo. Persi i raccolti in campo di orticole prossime alla raccolta (broccolo romanesco, carciofi, fave, finocchio, lattuga), sia per gli alberi già in fiore (pesche, susine, ciliegie). Criticità rilevanti anche per il settore zootecnico.

Tra le zone più colpite le province di Viterbo e Latina, così come gli areali dei Castelli Romani, del  Velletrano, e del litorale (Ostia, Maccarese). Nelle zone di Tarquinia – in cui ci sono stati evidenti danni alle orticole (finocchi, broccoli, spinaci) - il comune ha chiesto alla regione la calamità naturale.

 

 

 

 



Autore: AGR: EB - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR TV la Tv a portata di Click

AGRTV Live