AGR on Line

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
Ostia, i cittadini si mobilitano per la rinascita di Castelfusano
Comune di Pomezia - Incendio Eco X, arrivano le analisi di Arpa Lazio
Ostia, inizia la corsa alla Presidenza del X Municipio
IX Municipio, Forza Italia accelera e presenta la squadra
Incendio alla 'Eco X' di Pomezia
Acilia, crolla una palazzina di due piani
Abilmente Roma: arriva Miss Cake e l'arte incontra la dolcezza
Meryl Streep alla Festa del Cinema di Roma
La sfida di Mauro, tra voragini stradali e marciapiedi dissestati
Festival del cinema di Roma Arriva Michael Bublè
AGR Partner

  

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili
Regione: Lazio    Sezione: Cultura13/09/2017 13.21.00

Figli Maestri girato ad Acilia tra i cortometraggi vincitori di MigrArti

Alla 74ᵃ Mostra del Cinema di Venezia il regista Simone Bucri ha ricevuto una delle statuette in concorso



(AGR) Il film dui Simone Bucri Migrarti girato ad acilia è stato premiato per il Miglior Messaggio G2 (Seconde Generazioni).  Figli Maestri  torna dunque dal Lido di Venezia con una delle sei statuette del concorso MigrArti, per il quale, ai nastri di partenza, erano stati presentati più di 500 progetti. "Ci tengo a ringraziare la Cooperativa Ricerca sul Territorio che ha prodotto questo documentario assieme all’associazione CIAO onlus, ma soprattutto insegnanti e studenti della scuola Effathà di Acilia, che fa davvero un lavoro straordinario in favore dell’integrazione e dello scambio culturale" sono state le prime parole del regista Simone Bucri, chiamato a ritirare il premio lo scorso 8 settembre durante la giornata finale del concorso MigrArti, svoltasi presso l’Italian Pavillion del celebre Hotel Excelsior, al Lido di Venezia.

"In particolare- ha proseguito il regista trentottenne, - le famiglie Uddin e De Angelis-Peng, che sono protagoniste del documentario e che ci hanno aperto le porte delle loro case e della loro vita quotidiana". "Ringraziamo, inoltre,  la Cooperativa Ricerca sul Territorio per la realizzazione di questo film documentario nato da un’idea comune ed un percorso di condivisione iniziato anni addietro".  Gli ha fatto eco Flavio Tannozzini, Coordinatore della Scuola d'Italiano Effathà, che insieme ai colleghi e a tanti ragazzi della scuola ha seguito la premiazione in diretta attraverso i social network. "Il film coglie e traduce nel suo linguaggio l’essenza dell’atmosfera che viviamo alla Scuola d’Italiano Effathà come luogo in cui, con il pretesto e lo strumento della lingua, nascono relazioni autentiche e si può iniziare a raccontare la propria storia, affermare sé stessi in un contesto di inclusione".

Sono stati 506 i progetti presentati nella sezione Cinema del progetto del Ministero per le Attività e i Beni Culturali, ideato e coordinato da Paolo Masini. Tra i tantissimi partecipanti, 23 sono risultati i cortometraggi a cui il Mibact ha dato sostegno e riconoscimento. Gli stessi 23 sono stati poi portati alla Mostra di Venezia, all’interno della quale MigrArti è diventato un concorso e un evento della prestigiosa rassegna lagunare.Rai Cinema, uno dei partner di MigrArti (assieme a Istituto Luce-Cinecittà, Film Commission Roma-Lazio), ha dato vita a un nuovo concorso collegato che prevede, per i più visti online, un contratto di messa in onda sui canali Rai del digitale terrestre. Nei prossimi mesi saranno programmate rassegne e proiezioni dei film finalisti al premio MigrArti su tutto il territorio nazionale.

 

Figli Maestri - Sinossi.

Acilia, periferia sud di Roma. Mhamud si sposta per il quartiere a bordo della sua bicicletta, è una giornata di primavera, il sole brilla sull’asfalto di via di Macchia Saponara. Mhamud ha ventuno anni, lavora in un salone di bellezza e ha finalmente deciso di accettare la proposta di suo padre: sposare una ragazza del loro paese, il Bangladesh.Chiara ha quindici anni, pelle color porcellana e occhi allungati che suggeriscono le sue origini orientali. Si muove nello stesso minuscolo spicchio di mondo di Mhamud, ma non sembra doversi recare da nessuna parte. Pare abitare l’ambiente circostante come un’aliena appena sbarcata su uno strano pianeta. Attorno a lei, come l’avvicinarsi roco di un temporale, la voce di sua madre Zixi racconta una storia, la loro storia: quella di una donna che ha vissuto il trauma di non essere stata desiderata, e quella di una bambina, a sua volta rifiutata, che le ha poi salvato la vita.

Sia Mhamud che Chiara, così come i loro genitori, vedono incontrare le proprie traiettorie nella scuola di italiano per stranieri Effathà, aperta a studenti di ogni età e provenienza, dove persino i figli possono trasformarsi in maestri. I due ragazzi sono infatti tra i docenti volontari, mentre mamma Zixi, e papà Mafil tra i tanti studenti.Con il ritmo dell’incedere quotidiano, le due storie non raccontano la parte più esplicita, più visibile e ad oggi sovraesposta del fenomeno della migrazione, ovvero il viaggio, lo sbarco, l’approdo. Ma lo spettatore si trova già spostato in avanti, all’interno di dinamiche famigliari e relazionali consolidate, chiamato a condividere il mutamento o la presa di coscienza di situazioni prevalentemente personali, emotive, a confrontarsi con i protagonisti da pari a pari.

 

 



Autore: AGR: EB - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR TV
La TV a Portata di Click